EUR (€) / Italiano
  • Accedi

Benefici per la salute della megadose di vitamina C - Dal raffreddore alla longevità

La vitamina C è stata a lungo indicata come la soluzione ideale per combattere il raffreddore e l'influenza. Ma l'assunzione di una megadose di vitamina C ha benefici per la salute che vanno oltre il trattamento del raffreddore e aiutano a vivere una vita lunga e felice. Dall'artrite alla perdita di grasso, questa vitamina è essenziale per la nostra salute in molti modi ed è uno strumento importante da aggiungere al vostro regime di salute anti-invecchiamento.

Che cos'è la vitamina C?

La vitamina C o acido L-ascorbico è una delle 13 vitamine essenziali di cui il corpo ha bisogno per mantenersi in salute. L'acido ascorbico è la forma abbondante di vitamina C che si trova negli alimenti (circa l'80-90%). Il resto (10-20%) è acido deidroascorbico, la forma ossidata dell'acido ascorbico.

Questo nutriente fondamentale è solubile in acqua, il che significa che può diffondersi facilmente nel flusso sanguigno grazie alla natura acquosa del plasma sanguigno, del liquido extracellulare e del contenuto dello stomaco. Nell'organismo, la vitamina C viene assorbita da speciali trasportatori nell'intestino tenue, chiamati Sodium-Dependent Vitamin C Transporters. (SVCT-1). Tuttavia, questi trasportatori possono assorbire solo fino a 200 mg. Pertanto, solo il 14-30% circa degli integratori tradizionali di vitamina C viene effettivamente assorbito, mentre il resto viene letteralmente buttato via a causa della solubilità di questa vitamina.

A differenza degli altri mammiferi, non siamo in grado di produrre la vitamina C, per cui dobbiamo ottenerla da fonti esterne. La vitamina C è naturalmente presente in quantità variabili nella frutta, nella verdura e nella carne d'organo che mangiamo, come reni e fegato. Aumentare questi alimenti che contengono vitamina C è un modo per assicurarsi una dose giornaliera di questa vitamina. Ma non è sufficiente per sperimentare tutti i benefici per la salute derivanti da livelli ottimizzati di vitamina C.

"Nessuna prova obbliga a concludere che l'apporto minimo richiesto di qualsiasi vitamina si avvicini all'apporto ottimale che sostiene la buona salute".

- Linus Pauling

Che cosa fa la vitamina C?

L'organismo ha bisogno della vitamina C per favorire la crescita, lo sviluppo e la riparazione delle cellule di tutti i tessuti.

Ad esempio, la vitamina C

  • Rafforza il sistema immunitario.

  • Aiuta a formare il collagene.

  • Mantiene in salute ossa, cartilagini, pelle e denti.

  • Guarisce le ferite.

  • Favorisce l'assorbimento del ferro.

  • Protegge il sistema cardiovascolare.

  • Favorisce la combustione dei grassi e aumenta il metabolismo.

Nell'organismo, la vitamina C svolge il ruolo di cofattore per molti enzimi critici. Alcuni enzimi necessitano di cofattori per funzionare come dovrebbero. Gli enzimi che necessitano di vitamina C sono responsabili della biosintesi di ormoni, neurotrasmettitori e regolatori della trascrizione genica.

La vitamina C funziona anche come potente antiossidante e la minima quantità può proteggere molecole cruciali dai danni cellulari causati dai radicali liberi e dalle specie reattive dell'ossigeno (ROS). Queste molecole includono DNA e RNA, grassi, proteine e carboidrati.

Quale tipo di vitamina C viene assorbita meglio?

I migliori integratori di vitamina C sono quelli di vitamina C liposomiale di alta qualità. La tecnologia liposomiale incapsula la vitamina C in fosfolipidi che bypassano lo speciale trasportatore e permettono a quasi il 100% del nutriente di essere assorbito dall'organismo. La vitamina C liposomiale ha quindi una biodisponibilità molto elevata.

Che cos'è la biodisponibilità?

La biodisponibilità si riferisce alla percentuale di una sostanza (in questo caso la vitamina C) che entra in circolo con l'assunzione di un integratore di vitamina C o di alimenti. Con i tradizionali integratori di vitamina C, solo circa 200 mg di vitamina C possono essere utilizzati dall'organismo a causa del passaggio attraverso il sistema digestivo e lo speciale trasportatore.

Anche se i comuni integratori di vitamina C possono vantare quantità elevate di questa vitamina, a causa della limitazione della quantità che l'organismo può assorbire, la maggior parte degli integratori ha una bassa biodisponibilità e una grande percentuale della vitamina viene espulsa.

L'assunzione di alimenti contenenti vitamina C contribuisce ad aumentare i livelli di questa vitamina nell'organismo. Tuttavia, quando viene assunta da fonti naturali, la biodisponibilità dell'acido ascorbico è elevata a dosi ridotte, ma con l'aumentare del dosaggio scende al di sotto del 50%. Questa tendenza ha portato alcuni a credere che la vitamina C debba essere assunta solo in dosi ridotte, con il risultato che molti ne registrano bassi livelli e forse anche una carenza.

Quali sono i segni di una carenza di vitamina C?

La maggior parte delle persone associa la carenza di vitamina C all'immagine dei marinai affetti da scorbuto. Ma anche bassi livelli di vitamina C possono influire sulla salute e sul funzionamento dell'organismo. Ecco alcuni segnali di bassi livelli di vitamina C:

  • Infezioni frequenti e scarsa immunità
  • Pelle irregolare e ruvida, oppure secca e danneggiata.
  • Articolazioni dolorose e gonfie
  • ossa deboli e maggiore perdita di massa ossea
  • Gengive sanguinanti e denti poco sani
  • Ferite che tardano a guarire
  • Lividi facili e bassi livelli di ferro
  • Stanchezza costante
  • Basso umore o depressione

La ricerca ha dimostrato che bassi livelli di vitamina C possono portare a malattie croniche degenerative. In effetti, la maggior parte delle malattie infettive è legata a un'integrazione minima o assente di vitamina C.

La dose dietetica raccomandata (RDA) per la vitamina C è di 40 mg/die. Secondo gli esperti del settore, questo livello di vitamina C non è sufficiente per il trattamento di gravi malattie infettive. Una persona ha bisogno di un dosaggio da centinaia a migliaia di volte superiore alla RDA per costruire un muro formidabile contro le malattie che minacciano la durata della vita.

Cosa si intende per megadose di vitamina C?

Una megadose di vitamina C è un'iniezione o un consumo di acido ascorbico (in una forma come quella liposomiale) molto superiore alla RDA di 40 mg al giorno.

La megadose di vitamina C somministrata per via endovenosa è un regime che di solito viene somministrato da un medico. Queste enormi quantità di vitamina C vengono somministrate frequentemente nel corso della giornata, a seconda delle condizioni del paziente. Il trattamento con vitamina C per via endovenosa è stato utilizzato per trattare condizioni respiratorie, allergie, artrite e persino l'herpes zoster.

È anche possibile effettuare una megadose con la vitamina C liposomiale. La somministrazione liposomiale consente di somministrare la vitamina C direttamente nella cellula bersaglio, consentendo di assorbire tutti i 1000 mg di vitamina C. È stato dimostrato che la vitamina C liposomiale è efficace quanto la somministrazione endovenosa.

Il principale esperto di vitamina C, il Dr. Thomas Levy, afferma che:

"La mia opinione clinica è che un grammo di vitamina C incapsulata in liposomi, prodotta correttamente e ingerita per via orale, è altrettanto o più efficace di 5-10 grammi di vitamina C somministrati per via endovenosa, per una sindrome virale acuta. Quando una persona è malata, il mio consiglio è sempre quello di utilizzare tutte le forme di vitamina C disponibili, con il dosaggio più alto possibile".

Per saperne di più sugli integratori liposomiali e sul motivo per cui li utilizziamo presso Youth & Earth, vi consigliamo di leggere: Cosa sono gli integratori liposomiali e come funzionano?

Acquistate la nostra Vitamina C liposomiale con il 20% di sconto

Utilizzate il codice DDD20 per ottenere uno sconto del 20% sul vostro primo ordine di Vitamina C liposomiale.

Chi ha dato il via alla mania della vitamina C?

La vitamina C è sotto i riflettori da quando è stata dimostrata la sua capacità di curare lo scorbuto. Da allora è diventata una delle molecole più studiate, con migliaia di studi medici che l'hanno resa così nota.

Già nel 1949, il dottor Frederick Klenner riferì di aver curato 60 dei suoi pazienti affetti da poliomielite somministrando loro una megadose di vitamina C fino a 20.000 mg al giorno. I suoi risultati furono pubblicati in una rivista, ma purtroppo il mondo medico non mostrò alcun interesse perché era appena stato creato il vaccino Salk. Fu il primo medico a sottolineare che piccole quantità di vitamina C non sarebbero state efficaci e pubblicò oltre 20 rapporti medici su megadosi di vitamina C per trattare con successo malattie batteriche e virali.

"La vitamina C è la sostanza più sicura a disposizione del medico".

- Frederick Klenner, medico


Negli anni '70, Linus Pauling, doppio premio Nobel, rimase affascinato dai benefici di questa umile vitamina. Grazie alle sue ricerche e alla sua esperienza personale, si convinse dei benefici della vitamina C in dosi massicce.

Ha inoltre sostenuto il megadosaggio di vitamina C come metodo di prevenzione delle malattie croniche, compreso il trattamento del cancro, e come agente efficace per migliorare molti dei trattamenti tradizionali per le malattie.

Il dottor Thomas Levy, autore di Curare l'incurabile: Vitamin C, Infectious Diseases, and Toxins, ha studiato per anni la vitamina C in megadosi. Nell'introduzione del suo libro, afferma che:

"Sebbene la vitamina C sia una terapia singola incredibilmente efficace per molte malattie infettive, non esiste praticamente alcun trattamento medico per qualsiasi malattia infettiva che non sia sostanzialmente migliorato dall'aggiunta di vitamina C. Gli unici requisiti assoluti sono la somministrazione di vitamina C:

  1. nella forma giusta

  2. con la tecnica appropriata

  3. in dosi sufficientemente frequenti

  4. in dosi sufficientemente elevate

  5. insieme a determinati agenti aggiuntivi e

  6. per un periodo di tempo sufficientemente lungo".

Negli ultimi due anni è stato dimostrato che ciò è vero per il trattamento della sepsi e di altre patologie. Ecco un'intervista completa al dottor Paul Marik, medico di terapia intensiva presso l'EVMS, che utilizza una megadose di vitamina C in combinazione con altri trattamenti per curare la sepsi.

È importante notare che il megadosaggio di vitamina C può essere efficace solo se somministrato nella forma corretta, come quella endovenosa o liposomiale, in condizioni specifiche. Una quantità eccessiva di vitamina C in un'altra forma può causare effetti collaterali gastrointestinali come diarrea e nausea. È meglio consultare il proprio medico curante prima di tentare un regime di megadosi da soli.

La vitamina C può aiutare con il COVID 19?

Sebbene non vi siano ancora prove evidenti che la vitamina C sia in grado di prevenire o curare la COVID 19, vi sono indicazioni che l'assunzione di vitamina C per via endovenosa possa essere d'aiuto. È importante notare che la ricerca è in corso e che la vitamina C è stata utilizzata in combinazione con altri interventi.

Uno degli esempi più recenti di megadosaggio di vitamina C è la lotta contro la COVID 19. Gli esperti di Shanghai in Cina hanno scoperto che tutti i pazienti che hanno assunto la vitamina C sono stati in grado di curarla. Gli esperti di Shanghai hanno scoperto che tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento endovenoso sono migliorati e nessuno è morto. Inoltre, non si sono verificati effetti collaterali e la degenza in ospedale è stata più breve di 3-5 giorni. Attualmente è in corso a Wuhan, in Cina, uno studio clinico sull'efficacia della vitamina C per via endovenosa per la COVID. I risultati sono attesi per settembre di quest'anno.

Sulla base di questi risultati e delle loro raccomandazioni, ai pazienti COVID gravemente malati nel sistema ospedaliero statale di New York viene somministrata una megadose di vitamina C (1500 mg) ripetuta nel corso della giornata. È stato riscontrato che i livelli di vitamina C si abbassano notevolmente quando un paziente soffre di sepsi (una risposta infiammatoria quando l'organismo reagisce in modo eccessivo all'infezione). La somministrazione di vitamina C per via endovenosa aiuta a ripristinare questi livelli.

Il dottor Andrew Weber, specialista in cure critiche e pneumologo, ha dichiarato al New York Post: "I pazienti che hanno ricevuto la vitamina C sono andati significativamente meglio di quelli che non l'hanno ricevuta. È un aiuto enorme, ma non viene messo in evidenza perché non è un farmaco sexy".

Attualmente non esistono farmaci per trattare o prevenire la COVID-19. Tuttavia, ecco un'intervista con il Dr. Thomas Levy realizzata dalla rivista Top Santé sulla vitamina C e la COVID-19, oltre che sul cancro.

La vitamina C può combattere l'invecchiamento?

Oltre a contribuire al trattamento di infezioni e malattie, l'assunzione di vitamina C in dosi massicce comporta molteplici benefici. Ecco alcuni dei modi in cui può contribuire a migliorare la salute e a rallentare, se non invertire, l'invecchiamento.

Previene le malattie croniche

Malattie croniche come l'ipertensione, le malattie coronariche, il cancro e l'ictus sono tutte associate all'invecchiamento e ad abitudini di vita scorrette. Gli studi sembrano indicare che livelli più elevati di vitamina C sono associati a un minor rischio di sviluppare queste patologie.

Scegliere uno stile di vita sano, seguire una dieta equilibrata e integrare la vitamina C con una vitamina di alta qualità e con una buona biodisponibilità può contribuire a ridurre il rischio di queste patologie.

Per saperne di più su come le abitudini salutari possano contribuire a prolungare la durata della salute e della vita, leggete Lezioni dalle Zone Blu - Sentirsi più giovani più a lungo.

Riduce lo stress ossidativo

Si ritiene che molte malattie croniche e i segni dell'invecchiamento siano causati dal danno ossidativo. La vitamina C è un potente antiossidante ed è nota per essere un donatore di elettroni. Ciò impedisce ai radicali liberi di sottrarre elettroni alle cellule e ai tessuti, causando distruzione e deterioramento delle funzioni. Secondo le ricerche, l'assunzione di vitamina C in dosi di circa 1.000 mg può aiutarea ridurre lo stress ossidativo.

Sostiene il sistema immunitario

Il sistema immunitario ha bisogno della vitamina C per funzionare in modo ottimale. Il Dr. Thomas Levy descrive questa vitamina come il "muscolo" del sistema immunitario. La vitamina C contribuisce alla produzione e al funzionamento di diverse parti del sistema immunitario. Tra queste, i fagociti (cellule che ingeriscono materiali nocivi, tra cui batteri e virus), i leucociti (globuli bianchi) e i linfociti T, il cui ruolo principale è quello di analizzare il corpo alla ricerca di infezioni e anomalie.

Leinfezioni respiratorie virali possono essere prevenute con una megadose di vitamina C. Le cellule responsabili dell'immunità accumulano la vitamina C e la utilizzano per distruggere i virus e i batteri invasori. Le ricerche dimostrano anche che il sistema immunitario è indebolito dalle reazioni infiammatorie alle infezioni. Con la vitamina C è possibile contrastare indirettamente questo fenomeno, attenuando lo stress ossidativo. Nel complesso, la vitamina C è essenziale per la funzione immunitaria e può aiutare a combattere le infezioni.

Per saperne di più sul sistema immunitario, vi consigliamo di leggere: COVID 19 - Cosa c'è da sapere e come sostenere il sistema immunitario.

Aumenta il metabolismo, combatte la stanchezza e aiuta a perdere grasso

Avere livelli adeguati di vitamina C può aiutare a perdere l'aumento di peso associato all'età. I ricercatori hanno scoperto che gli individui con livelli adeguati di vitamina C ossidano il 25% in più di grassi durante l'esercizio fisico rispetto a quelli con bassi livelli di vitamina C. Ciò è dovuto al ruolo della vitamina C come cofattore e antiossidante.

La vitamina C svolge un ruolo importante nella sintesi di una molecola del nostro corpo chiamata carnitina. In breve, la carnitina agisce come una pala e sposta le molecole di grasso dal deposito al luogo in cui viene ossidato ("bruciato") nelle nostre cellule. Quando non si ha abbastanza carnitina, ci si può sentire affaticati e si fa fatica a perdere peso. È interessante notare che uno dei primi segni di carenza di vitamina C è la stanchezza. Le proprietà antiossidanti della vitamina C contribuiscono inoltre a ridurre i livelli di stress ossidativo, il che si ritiene favorisca anche il metabolismo.

Riparazione del tessuto connettivo

Con l'invecchiamento, anche le informazioni genetiche si alterano e i controlli dei processi metabolici cambiano. Questi cambiamenti finiscono per alterare l'attività degli enzimi legati alla produzione di collagene. L'invecchiamento del tessuto connettivo si manifesta in organi come cuore, polmoni, pelle, fegato e reni. La vitamina C aiuta l'organismo aprodurre collagene, la sostanza principale di tendini e legamenti.

Attività come gli allenamenti e gli sforzi possono causare lacerazioni del tessuto connettivo e questa molecola essenziale si è rivelata fondamentale nel processo di riparazione dei tessuti. Se siete attivi, quindi, l'assunzione di vitamina C aiuterà il vostro corpo a guarire e a proteggere il tessuto connettivo, aiutandovi a recuperare da qualsiasi infortunio o allenamento faticoso e migliorando anche le condizioni delle vostre articolazioni nel tempo.

Protegge il cuore e il sistema cardiovascolare

L'endotelio è il rivestimento dei vasi sanguigni e linfatici e le alterazioni di questo rivestimento sono i primi passi verso lo sviluppo dell'aterosclerosi. È stato riscontrato che la vitamina C migliora la disfunzione endoteliale in soggetti affetti da insufficienza cardiaca, aterosclerosi e diabete. Le dosi erano superiori a 500 mg di vitamina C al giorno.

Può aiutare a contrastare l'ipertensione arteriosa

Una dose giornaliera di vitamina C (da 60 mg a 4.000 mg) sembra contribuire a ridurre l'ipertensione. I ricercatori hanno condotto una meta-analisi di 29 piccoli studi a breve termine e hanno scoperto che la vitamina C riduce la pressione arteriosa sistolica e diastolica. Hanno però rilevato la necessità di uno studio valido e a lungo termine sugli effetti della vitamina C sulla pressione sanguigna.

Se soffrite di pressione alta, è importante che non vi affidiate alla sola vitamina C per auto-trattare la vostra condizione. Consultate sempre il vostro medico curante prima di cambiare qualcosa nel vostro trattamento.

Migliora la massa ossea

L'invecchiamento provoca una perdita di densità e massa ossea. A sua volta, questo influisce sulla postura e porta alla debolezza. Alcuni studi hanno messo in relazione dosi più elevate di vitamina C conun aumento della massa ossea. L'integrazione di vitamina C in quantità maggiori migliora anche la densità minerale ossea.

Il rafforzamento della struttura ossea è fondamentale per combattere gli effetti dell'artrite e delle condizioni di salute correlate, fortemente associate all'invecchiamento.

Combatte gli effetti della depressione

Non esiste una relazione univoca tra depressione e invecchiamento. In realtà, chiunque può diventare depresso. In uno studio condotto presso il Centro Medico Universitario di Amsterdam, gli scienziati hanno utilizzato campioni di sangue per stabilire che la depressione può anche portare a un invecchiamento precoce.

Detto questo, gli adulti più anziani hanno un rischio maggiore di soffrire di depressione a causa di una serie di fattori come i cambiamenti ormonali, le esperienze di vita, le carenze nutrizionali, i problemi di sonno e altro ancora.

È stato dimostrato che la vitamina C, attraverso vari meccanismi, aiuta a migliorare l'umore. Uno di questi meccanismi è l'attivazione dei recettori del neurotrasmettitore GABA, che migliora l'umore.

È logico che aumentare i livelli di vitamina C possa aiutare a sentirsi meglio e a migliorare l'umore. Non solo per l'attivazione del GABA, ma anche perché vi sentirete più energici e più sani in generale. Questo non può che giovare al vostro umore!

Come fare una megadose di vitamina C

L'efficacia della vitamina C dipende dall'entità del dosaggio e dalla durata dell'assunzione. L'ideale sarebbe assumerne molta per una durata molto più lunga. Tuttavia, la domanda è: come si fa? Ecco alcuni suggerimenti per iniziare.

Tenete presente che se soffrite di una patologia cronica o state assumendo farmaci, è meglio consultare il vostro medico curante prima di iniziare qualsiasi forma di integrazione.

Consegne

Nonostante gli enormi benefici della vitamina C, il modo in cui la consumiamo fa la differenza nella sua biodisponibilità. Se si vuole solo soddisfare i requisiti della RDA, si può optare per le fonti naturali della vitamina, aumentando gli alimenti ricchi di vitamina C nella dieta quotidiana. Tuttavia, per ottenere i massimi benefici per la salute, è necessario assumere una megadose di vitamina C.

Una possibilità è quella di utilizzare un sistema di somministrazione endovenosa per aumentare direttamente i livelli di vitamina C nel sangue. Tuttavia, a meno che non si abbia accesso alla flebo, questa opzione è costosa e scomoda.

La seconda opzione è quella di utilizzare la vitamina C liposomiale, il cui vantaggio è che non dipende dai trasportatori della vitamina C, ma si infonde direttamente e si libera nella circolazione sanguigna. Come già menzionato in questo articolo, la somministrazione liposomiale può essere efficace quanto quella endovenosa, ma senza gli inconvenienti e i costi.

Dosaggio

Una megadose di vitamina C assunta regolarmente è efficace per combattere le malattie. Anche se il dosaggio varia a seconda della malattia da trattare, si consigliano megadosi di circa 3.000+ milligrammi al giorno per combattere infezioni gravi.

Alcune malattie virali croniche possono metabolizzare la vitamina C nell'ordine di 300.000-400.000 mg al giorno. Ciò significa che i pazienti dovranno assumere dosi più elevate di vitamina per guarire. Tali dosi possono essere fornite solo attraverso i metodi di somministrazione sopra menzionati: per via endovenosa o attraverso la tecnologia liposomiale.

Il Linus Pauling Instituteraccomanda che i giovani sani e non fumatori dovrebbero assumere circa 400 mg al giorno per raggiungere la saturazione. Tuttavia, i dati sono limitati per quanto riguarda la quantità necessaria per gli adulti più anziani e i bambini. I ricercatori dell'istituto hanno scoperto che l'apporto cellulare di vitamina C diminuisce con l'età e quindi gli anziani dovrebbero integrare in dosi maggiori.

Lavitamina C liposomiale di Youth & Earth rilascia 1000 mg direttamente nelle cellule. In questo modo si garantisce un'adeguata reintegrazione dei livelli di vitamina C ogni giorno con effetti collaterali minimi.

Durata

I risultati migliori si ottengono quando il corpo riceve livelli ottimali di vitamina C per un lungo periodo di tempo. Ci vuole tempo per guarire e ripristinare le disfunzioni e una dose una tantum o anche una dose a breve termine potrebbe non mostrare alcun beneficio drammatico. Se ci si sottopone a un protocollo di megadosi per trattare un'infezione, è meglio seguire le raccomandazioni del proprio medico.

Conclusioni

La vitamina C è una molecola potente e la sua capacità di curare l'incurabile è stata dimostrata in modo eccezionale. Dalla cura dello scorbuto al rafforzamento delle difese immunitarie, dall'inversione del danno ossidativo a tutto il resto, è uno degli integratori che non può mancare nella vostra dispensa.

Con l'avanzare dell'età, vale la pena di assicurarsi di assumere quantità ottimali di vitamina C per mantenere la vitalità e la giovinezza di cui si ha bisogno per ritrovare forza e vitalità e vivere la propria vita con uno scopo. Ricordate che l'efficacia della vitamina C sta tutta nella forma, nella frequenza di assunzione, nel dosaggio e, infine, ma non certo per importanza, nella durata dell'assunzione.

Il contenuto di questo articolo è solo a scopo informativo. Non intende sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un medico professionista. Prima di iniziare un nuovo regime o programma di salute, chiedete sempre il parere del vostro medico o di un operatore sanitario. Non ignorate il parere del medico o non ritardate la sua richiesta a causa di qualcosa che avete letto su questo sito o su qualsiasi prodotto Youth & Earth.

Search