EUR (€) / Italiano
  • Accedi

3 aree della scienza che cambieranno il significato della parola età - Pt. 1

Per la maggior parte della storia dell'umanità abbiamo concepito l 'età come rigida e l'invecchiamento come inevitabile. Ora, una nuova comprensione dei processi biologici associati all'invecchiamento ci invita a mettere in discussione questi presupposti.

Ecco tre aree di ricerca che potrebbero cambiare il nostro modo di pensare all'invecchiamento.
A glowing floating DNA strand in front of a scientist holding a test tube.

1. ETÀ CRONOLOGICA VS ETÀ BIOLOGICA

L'età è sempre stata considerata come la durata della vita. Ma stiamo sempre più riconoscendo che l'età è qualcosa di più complesso, di cui l'idea tradizionale di età - l'"età cronologica" - è solo un aspetto.

Una misura migliore dell'età che abbiamo è l'"età biologica".età biologicache si basa sui danni accumulati dall'organismo che limitano le capacità fisiche e mentali e alla fine causano il malfunzionamento dei sistemi. Esiste una serie di indicatori dell'età biologica, tra cui i cambiamenti del nostro DNA - sia la lunghezza delle estremità protettive (i telomeri, che influenzano la velocità di invecchiamento delle cellule) sia i biomarcatori che controllano il modo in cui il nostro DNA viene letto (il nostro epigenoma).

L'età cronologica non è qualcosa su cui abbiamo alcun controllo
- ma l'età biologica sì.

I fattori che influenzano l'età biologica comprendono l'età cronologica, la genetica, l'alimentazione e lo stile di vita. Un fumatore di 40 anni con uno stile di vita sedentario può aspettarsi di avere un'età biologica più avanzata rispetto al suo gemello non fumatore e fisicamente attivo, nonostante condividano l'età cronologica. Le persone che mantengono un'età biologica più bassa sono a minor rischio di malattie e possono aspettarsi di godere di una durata di vita più lunga e di un'apertura di salute (vita vissuta senza malattie o disabilità).

In effetti, l'età cronologica è l'età che tecnicamente "dovremmo avere", ma l'età biologica è l'età effettiva.

2. AUMENTARE L'APERTURA DELLA SALUTE

La durata della salute è influenzata da fattori interconnessi, tra cui la genetica, le malattie, l'ambiente e lo stile di vita. La durata della salute è influenzata da fattori interconnessi, tra cui la genetica, le malattie, l'ambiente e lo stile di vita.

Molti interventi sullo stile di vita per prolungare la durata della salute sono ben noti (un articolo su Frontiers illustra i miglioramenti della durata della salute), come ad esempio non fumare e fare esercizio fisico regolare.

Ma c'è anche un crescente numero di ricerche su ciò che accade nelle nostre cellule quando invecchiamo, che presenta nuove opportunità per modificare la nostra durata di salute. C'è molto entusiasmo intorno a mantenere livelli di NAD+una molecola che svolge un ruolo critico nel metabolismo cellulare e che diminuisce drasticamente con l'età. Astudio del 2018 ha rilevato che i soggetti la cui dieta è stata integrata con un precursore del NAD hanno registrato un aumento dell'apertura della salute, mentresoggetti anziani hanno mostrato un miglioramento delle funzioni cognitive quando hanno assunto l'integratore per sole due settimane. Il genetista ed esperto di longevità dell'Università di HarvardProfessor David Sinclair ritiene che gli integratori di NAD possano rallentare l'invecchiamento anche negli esseri umani, come si legge in un articolo anti-invecchiamento articolo inrivista Harvard.

I ricercatori continuano a identificare le molecole associate all'invecchiamento e a valutare se sia possibile intervenire su di esse per prolungare la durata della vita e l'apertura della salute. Ad esempio, integratori come glutatione o glyNAC - antiossidanti che si trovano nelle cellule e che si riducono con l'età, hanno dimostrato di aumentare la durata della vita in studi di ricerca.

Replicare questi effetti nell'uomo potrebbe mettere in discussione le idee che da tempo abbiamo sull'inevitabilità del declino fisico e mentale.

3. SENOLITICI

Un importante processo biologico associato all'invecchiamento è lala senescenza cellularequando le cellule non sono più in grado di svolgere funzioni cellulari o di replicarsi, ma non muoiono.Si tratta di un processo importante per la protezione controcancro e insufficienza d'organoma queste cellule "zombie" possono anche emettere un cocktail chimico tossico che causa danni alle cellule sane circostanti. L'aumento della senescenza cellulare è un biomarcatore dell'invecchiamento..

I ricercatori stanno studiando se questo processo possa essere combattuto riservando o sopprimendo la senescenza, oppure uccidendo le cellule senescenti in modo che possano essere riciclate in modo sicuro dall'organismo.
Microscopic view of telomeres.

La senescenza si attiva in una cellula quando i suoi telomeri - che si accorciano leggermente a ogni divisione cellulare - scendono al di sotto di una certa dimensione.

Per questo motivo, c'è un notevole interesse nel capire sel'estensione dei telomeri possa combattere la senescenza cellulare. Questo è stato dimostrato dall'Università di Medicina di Stanford concellule umane in coltura.

Un altro approccio per combattere la senescenza cellulare è quello dei senolitici, ovvero lo sviluppo di molecole che uccidono le cellule senescenti. I senolitici testati finora includono il farmaco antitumorale dasatinib e i flavonoidiquercetina e fisetinae gli studi hanno dimostrato un aumento della durata della vita e dell'apertura della salute nei soggetti trattati consenolitici

I primi dati suggeriscono che i senolitici potrebbero anche ridurre il numero di cellule senescenti nell'uomo, un passo importante per capire se e come i senolitici potrebbero funzionare in futuro. (Per saperne di più prime prove dell'efficacia dei senolitici nel ridurre le cellule senescenti nell'uomo.)

L'invecchiamento è un processo estremamente complesso, che abbiamo appena iniziato a comprendere. Queste sono solo tre delle molte aree che i ricercatori stanno perseguendo nel tentativo di aiutarci a invecchiare più lentamente e in modo più sano.

Seguiteci nella seconda parte, dove esamineremo ulteriormente cosa determina l'aspettativa di vita.

DOMANDE FREQUENTI

Che cos'è il NAD in termini medici?

Il nicotinammide adenina dinucleotide, o NAD, è stato scoperto nel 1906 ed è un coenzima presente in tutte le cellule viventi.Il NAD esiste in due forme: NADH, che aiuta a migliorare le funzioni cerebrali come la concentrazione, la memoria e la vigilanza, e NAD+, che mantiene il nostro sistema neurologico e la salute degli organi interni.

Che cos'è la quercetina?

La quercetina è un flavonoide vegetale presente in cipolle, mele, cavoli, broccoli, tè verde e caffè. Poiché il nostro organismo non la produce naturalmente, possiamo assicurarci di assumerne una quantità adeguata assumendo un integratore.

A cosa serve la quercetina?

La quercetina è un potente antiossidante che svolge un ruolo fondamentale nell'eliminazione delle cellule senescenti che contribuiscono all'invecchiamento e alle malattie legate all'età.

Il contenuto di questo articolo è solo a scopo informativo.
Non è inteso come sostituto di una consulenza medica professionale, di una diagnosi o di un trattamento. Chiedete sempre il parere del vostro medico o di un operatore sanitario prima di iniziare un nuovo regime o programma di salute.
Non ignorate il parere del medico o non ritardate la sua richiesta a causa di qualcosa che avete letto su questo sito o su qualsiasi prodotto Youth & Earth.

Search