EUR (€) / Italiano
  • Accedi

I segni distintivi dell'invecchiamento Parte 2 - Segni distintivi antagonisti e integrativi

L'invecchiamento è più di quanto sembri. Infatti, ciò che vediamo accadere a noi stessi esternamente è un segno che l'invecchiamento è avvenuto internamente a livello cellulare. Nella seconda parte di questa serie esploreremo gli altri 5 segni dell'invecchiamento e i modi per minimizzare i danni.

Se vi siete persi la prima parte di questa serie, vi consigliamo di leggere Quali sono i segni dell'invecchiamento? Parte 1 - Caratteristiche principali

I 9 segni distintivi dell'invecchiamento sono strettamente collegati tra loro e il modo in cui si relazionano tra loro è ancora in gran parte sconosciuto. Nella prima parte abbiamo esplorato le caratteristiche principali dell'invecchiamento. Questi includono:

  • Instabilità genomica- danni continui al DNA che causano un accumulo di cellule disfunzionali o mutanti.

  • L'usura dei telomeri- l'accorciamento dei cappucci protettivi alla fine dei cromosomi, chiamati telomeri.

  • Alterazione epigenetica - modifiche alle "istruzioni" dei geni su come costruire una determinata cellula.

  • Perdita della proteostasi - disfunzione del sistema di produzione delle proteine.

Questi quattro fattori sono ritenuti la causa principale del danno cellulare. In risposta e per mitigare il danno, l'organismo risponde con i successivi tre segni distintivi, noti come segni distintivi antagonisti dell'invecchiamento. Questi sono:

  • Disfunzione mitocondriale

  • Deregolamentazione del rilevamento dei nutrienti

  • Senescenza cellulare

Secondo i ricercatori che hanno scritto l'articolo originale del 2013 sui segni distintivi dell'invecchiamento, gli ultimi due segni distintivi sono noti come segni distintivi integrativi perché "sono il risultato finale dei segni distintivi precedenti e sono ritenuti responsabili del declino funzionale associato all'invecchiamento". Questi ultimi due segni distintivi sono:

  • esaurimento delle cellule staminali

  • Alterazione della comunicazione intercellulare

Diamo un'occhiata più da vicino.

Disfunzione mitocondriale - i mitocondri invecchiati non possono funzionare correttamente

"I mitocondri sono organelli cellulari legati alla membrana che generano la maggior parte dell'energia chimica necessaria per alimentare le reazioni biochimiche della cellula".

- NIH - Istituto Nazionale di Ricerca sul Genoma Umano

I mitocondri sono le "batterie" o centrali elettriche delle nostre cellule. Producono energia sotto forma di ATP che fornisce carburante a ogni cellula per tutte le funzioni del nostro corpo. Durante la formazione di ATP, le cellule creano radicali liberi (specie reattive dell'ossigeno). Una piccola quantità di ROS è positiva ed è importante per diversi percorsi cellulari importanti per la salute.

In generale, più un organo o un muscolo richiede energia, più mitocondri ci sono. Queste molecole sono uniche in quanto hanno una propria forma di DNA, separata dalla nostra. Tuttavia, ciò significa che anche loro subiscono una forma di declino legata all'età.

I mitocondri hanno anche altri ruoli. Contribuiscono al sistema immunitario e aiutano le infiammazioni, favoriscono la termogenesi (mantengono il corpo caldo), regolano i livelli di calcio e sono importanti per la sopravvivenza e la morte delle cellule.

Poiché i mitocondri svolgono un ruolo chiave in molti processi cellulari, la disfunzione mitocondriale e l'accumulo di ROS dovuto a una scarsa risposta antiossidante sono associati a numerose patologie legate all'età, come il diabete, l'Alzheimer e il Parkinson.

I mitocondri possono diventare disfunzionali in diversi modi con l'invecchiamento. Ad esempio, le molecole che compongono la membrana cellulare dei mitocondri possono essere alterate e ciò influisce negativamente sulla produzione di energia. Oppure le molecole proteiche che fungono da messaggeri potrebbero diventare difettose, causando anch'esse problemi nella produzione di energia.

Anche il DNA mitocondriale può subire l'accorciamento dei telomeri e danni al DNA. Sebbene i mitocondri dispongano di sistemi di riparazione per riparare e rimuovere il DNA danneggiato, a volte questi sistemi falliscono, causando un gran numero di mitocondri danneggiati e uno stress ossidativo che può colpire i tessuti, compresi i muscoli scheletrici e il tessuto nervoso.

Oltre ai danni al DNA mitocondriale, con l'avanzare dell'età i nostri sistemi respiratori diventano meno efficienti, il che comporta anche una riduzione dei livelli di ATP, con ulteriori ripercussioni sul funzionamento delle cellule.

In definitiva, allo stesso modo in cui una batteria difettosa influisce su quasi tutte le funzioni di un'automobile, quando i mitocondri diventano disfunzionali possono influire su altri segni distintivi dell'invecchiamento.

Come sostenere i mitocondri

Mangiare cibi sani ricchi di antiossidanti e grassi buoni

Ancora una volta, il cibo che mangiamo e le nostre abitudini di vita svolgono un ruolo importante nel sostenere la salute dei mitocondri. Un'alimentazione sana, ricca di antiossidanti e di grassi sani, fornirà all'organismo tutto ciò di cui ha bisogno per sostenere i mitocondri.

Allo stesso tempo, ridurre i fattori che possono causare infiammazione. Puntate su proteine allevate al pascolo o pescate in natura, che avranno meno agenti infiammatori, come gli antibiotici di routine e i metalli pesanti. Ove possibile, scegliete prodotti biologici o lavate molto bene i prodotti freschi commerciali per rimuovere eventuali pesticidi.

Ridurre gli alimenti che causano infiammazione è fondamentale e rappresenta un modo per prevenire un eccessivo stress ossidativo nei mitocondri.

Praticare la restrizione calorica o il digiuno intermittente

La restrizione calorica è un noto trucco anti-invecchiamento. Favorisce la salute dei mitocondri riducendo la produzione di radicali liberi. Inoltre, attiva l'AMPK e le sirtuine (vie della longevità) che favoriscono la salute e il benessere dei mitocondri. Queste due vie sono descritte nel prossimo punto di riferimento, ma si tratta di due processi di longevità che dovete assolutamente attivare se volete mantenere i vostri mitocondri in salute!

Se volete saperne di più sull'hacking dell'età, vi consigliamo di leggere Cinque facili trucchi anti-invecchiamento per aumentare la longevità

Esercitatevi regolarmente, in particolare con la resistenza ai pesi e l'HIIT.

I mitocondri prosperano quando facciamo esercizio. Come dice il proverbio, "per ottenere energia bisogna bruciarla". L'allenamento a intervalli ad alta intensità (HIIT) non solo forma nuovi mitocondri, ma ne aumenta anche le dimensioni.

La perdita di massa muscolare è stata attribuita alla disfunzione mitocondriale. In uno studio, la perdita muscolare è stata parzialmente invertita nei partecipanti anziani dopo sei mesi di allenamento di resistenza. Includere un regolare allenamento di resistenza nella vostra routine di esercizio vi aiuterà a sostenere i mitocondri.

Fate un tuffo nel freddo

Una nuotata in un lago o in una piscina fredda fa bene ai mitocondri. Attiva l'AMPK e aumenta il numero di mitocondri nelle cellule. È stato inoltre dimostrato che nuotare o immergersi regolarmente in acqua fredda attiva il grasso bruno (che ci tiene al caldo) e riduce il grasso bianco (il grasso cattivo).

Prendete il sole

L'esposizione regolare al sole non solo migliora l'umore, ma potenzia anche i mitocondri. Assicuratevi di prendere il sole in modo sicuro, soprattutto se siete a rischio di cancro della pelle.

Assumete integratori naturali a sostegno della salute dei mitocondri

NMN o NR

Queste due molecole sono precursori del NAD, una molecola fondamentale per il funzionamento delle cellule. Senza NAD, la famiglia di proteine che aiutano la salute mitocondriale, le sirtuine, non può funzionare correttamente. L'aggiunta di NMN o NR al vostro regime quotidiano di integratori è uno dei modi migliori per sostenere le vostre cellule.

CONSERVAZIONE

Questo prodotto è stato studiato appositamente per attivare le sirtuine e contrastare l'infiammazione. Le sirtuine sono costituite da 7 proteine e 3 di esse agiscono specificamente nei mitocondri.

Olio di krill Superba

L'olio di krill è un potente antinfiammatorio e contribuisce a ridurre lo stress ossidativo e i livelli di infiammazione in tutto il corpo. È 48 volte più efficace dell'olio di pesce tradizionale. Contiene inoltre colina, che supporta le membrane cellulari, il metabolismo, la segnalazione cellulare e contribuisce alla sintesi del DNA. Nel complesso, l'olio di krill è un'ottima opzione per sostenere la funzione mitocondriale.

L-Carnitina eAcido alfa lipoico

La L-carnitina, un aminoacido, aiuta a trasportare gli acidi grassi nei mitocondri per utilizzarli come energia. È una molecola fondamentale per la normale funzione mitocondriale. Sebbene la ricerca su questa molecola sia ancora in corso, finora ha mostrato il potenziale per sostenere i mitocondri. Per saperne di più, leggete Come usare la L-carnitina per aumentare le prestazioni e rallentare l'invecchiamento.

L'acido alfa lipoico è un potente antiossidante e co-enzima. È inoltre fondamentale per la produzione di energia e protegge le cellule dagli antiossidanti. In un piccolo studio è stato dimostrato che l'assunzione di L-carnitina e ALA insieme ha contribuito a rallentare la disfunzione mitocondriale. È necessario condurre ulteriori ricerche su questa combinazione, ma finora il potenziale terapeutico è buono.

Deregolamentazione della sensibilità ai nutrienti: le cellule diventano meno sensibili ai livelli di nutrienti presenti nell'organismo.

"La capacità di percepire e rispondere alle fluttuazioni dei livelli di nutrienti ambientali è un requisito essenziale per la vita".

- Efeyen, Comb e Sabatini

Ilrilevamento dei nutrienti è la capacità dell'organismo di percepire e adattarsi ai livelli intracellulari ed extracellulari di nutrienti come zuccheri, aminoacidi, lipidi e sostanze nutritive come le vitamine.

Quando c'è abbondanza di cibo e di nutrienti, il corpo costruisce e immagazzina perché lo percepisce come un momento di abbondanza. In caso di carenza di cibo, si attivano le vie della sopravvivenza (vie della longevità) che liberano le riserve di grasso per consentire al cervello e al corpo di continuare a funzionare. La capacità dell'organismo di percepire queste fluttuazioni è estremamente importante per la nostra salute, perché aiuta a regolare il metabolismo e influenza l'invecchiamento.

La regolazione dell'assunzione di nutrienti dipende da diverse vie di rilevamento dei nutrienti che si basano sul funzionamento dei mitocondri. Se i mitocondri sono danneggiati dallo stress ossidativo e da fattori legati allo stile di vita, anche la capacità della cellula di percepire i nutrienti sarà influenzata negativamente. Questo può avere un effetto drammatico sull'invecchiamento e può contribuire a una serie di condizioni associate all'età.

Esistono quattro vie principali che percepiscono i nutrienti, regolano il metabolismo e influenzano l'invecchiamento. Queste vie sono intricate e bilanciate e una quantità eccessiva o insufficiente può causare problemi.

Vie dell'IIS (Insulina e fattore di crescita insulino-simile)

Il nostro corpo ha diversi modi per mantenere i livelli di glucosio. La capacità di assumere glucosio, immagazzinarlo, utilizzarlo e scomporlo è strettamente regolata da una serie di vie. Quando si verifica un danno alla cellula, questo può influire negativamente sulla capacità dell'organismo di percepire e utilizzare correttamente il glucosio. Ad esempio, quando una cellula non è più in grado di rilevare i livelli di insulina, la glicemia sale a livelli pericolosi. La deregolazione del rilevamento del glucosio è alla base di molte condizioni legate alla glicemia, come il diabete di tipo 2 e la sindrome metabolica. Livelli più bassi di IIS sono stati correlati a una maggiore durata della vita.

mTOR
Il bersaglio meccanico della rapamicina (mTOR) rileva l'abbondanza di proteine e nutrienti. È estremamente importante per la crescita e la riparazione cellulare. Se volete costruire muscoli o guarire, mTOR è vostro amico. Purtroppo, in questo caso, può esserci troppa roba buona e quando la capacità dell'organismo di percepire gli aminoacidi diventa disfunzionale o si mangia troppo cibo per il proprio fabbisogno giornaliero, i livelli di mTOR possono aumentare. Quando la capacità dell'organismo di regolare questa via è compromessa, possono insorgere anche patologie croniche. Livelli elevati sono associati ad alcuni tipi di cancro, a condizioni autoimmuni e alla depressione.

Se volete saperne di più su mTOR, vi consigliamo di leggere: Cos'è la via della longevità di mTOR?

AMPK

La chinasi attivata dall'AMP percepisce la scarsità di nutrienti e si attiva con la restrizione calorica. In questo modo, il metabolismo viene riattivato e la combustione dei grassi entra in funzione. Inoltre, favorisce l'autofagia, che è il metodo naturale dell'organismo per eliminare le cellule danneggiate e rigenerare quelle sane. Livelli elevati di AMPK sono stati associati a una maggiore durata della vita e della salute. Livelli bassi sono associati a condizioni croniche come la sindrome metabolica, l'obesità e l'infiammazione.

In poche parole, l'AMPK è una delle tante vie della longevità che si desidera attivare. Per saperne di più, consultare: Cos'è l'AMPK? Come influenza l'invecchiamento?

Sirtuine

Un'altra via della longevità che rileva i livelli di energia, le sirtuine sono una famiglia di proteine che controllano il metabolismo, la salute cellulare e l'invecchiamento. In breve, regolano le vie che controllano la morte cellulare, attivano e disattivano i geni anti-invecchiamento, riparano il DNA, regolano l'epigenetica e aiutano il nostro metabolismo. Dipendono dal NAD+ e non possono funzionare senza di esso. Quando i livelli di energia sono bassi a causa della restrizione calorica, i livelli di NAD+ sono elevati e ciò attiva le sirtuine. Al contrario, quando c'è abbondanza di cibo, i livelli di NAD+ tendono a essere bassi e, di conseguenza, le sirtuine non possono svolgere il loro ruolo. Bassi livelli di sirtuine sono associati all'invecchiamento e a molte altre patologie croniche.

Come aiutare le vie di rilevamento dei nutrienti

Le vie di cui sopra sono intricate e bilanciate e gli scienziati stanno ancora studiando il loro rapporto reciproco. Tuttavia, ci sono delle misure che possiamo adottare per sostenere queste vie.

Restrizione calorica

I benefici per la longevità e la salute della restrizione calorica sono ben noti. È uno dei metodi più affidabili per prevenire i disturbi legati all'età, perché riduce l'IIS e l'mTOR, ma attiva l'AMPK e le sirtuine. La sfida consiste nel ridurre le calorie del 10-30%, assicurandosi però di soddisfare il fabbisogno giornaliero di nutrienti.

Può essere molto impegnativo mantenere una dieta ipocalorica a lungo termine. Pertanto, una buona opzione è quella di prendere in considerazione un mimetico della restrizione calorica.

Berberina - attivatore dell'AMPK e mimetico della restrizione calorica

La berberina agisce attraverso diversi meccanismi per regolare la glicemia e imitare la restrizione calorica. Inoltre, attiva l'AMPK. È talmente efficace da competere testa a testa con la metformina. Per saperne di più sul confronto tra i due farmaci, consultare Berberina, il super antiossidante anti-invecchiamento.

Il nostro prodotto RELEAF contiene berberina, PQQ e silimarina. È stato studiato appositamente per attivare l'AMPK e sostenere i livelli di zucchero nel sangue.

Resveratrolo - potenziale mimetico della restrizione calorica, attiva le sirtuine e inibisce mTOR

Il resveratrolo è forse uno dei polifenoli della longevità più noti. Si ritiene che imiti la restrizione calorica, attivi le sirtuine e inibisca mTOR. Il nostro prodotto PRESERVAGE è stato studiato per attivare le sirtuine attraverso il riveratrolo, la curcumina, la quercetina e la bioperina.

Senescenza cellulare - cellule invecchiate che non muoiono e rilasciano segnali tossici che causano infiammazioni.

"Lasenescenza cellulare è uno stato in cui le cellule non possono più dividersi. Questo stato permanente comporta vantaggi e svantaggi per l'organismo in cui le cellule vivono".

- biologydictionery.net

Le cellule sane si dividono e si moltiplicano durante il loro ciclo vitale. Tuttavia, esiste un punto (chiamato limite di Hayflick) in cui le nostre cellule smettono di dividersi e di crescere. A questo punto, muoiono o vengono "mandate in pensione" e non svolgono più la funzione che dovrebbero svolgere. Questa pausa nel ciclo cellulare è nota come senescenza.

I fattori che causano la senescenza sono vari, ma possono essere dovuti allo stress ossidativo, all'attrito dei telomeri, al danno al DNA e ad altri fattori che possono aver causato un danno alle cellule.

Inizialmente si pensava che le cellule senescenti fossero un meccanismo protettivo per impedire alle cellule danneggiate di dividersi e prevenire tumori e cancro. Ma la ricerca è in corso e gli scienziati ora pensano che possano avere un ruolo in alcuni processi cellulari perché emettono un cocktail di segnali cellulari.

In un corpo normale e sano, queste cellule "morte viventi" vengono solitamente eliminate dal sistema immunitario. Tuttavia, con l'età questo meccanismo si guasta e le cellule senescenti iniziano ad accumularsi. In questo processo, però, si accumula anche un cocktail di segnali pro-infiammatori che provoca ogni sorta di danno cellulare e sembra causare la senescenza anche di altre cellule, aggravando ulteriormente i problemi.

L'accumulo di queste cellule è ritenuto uno dei principali fattori che causano la degenerazione che si verifica con l'età. Per saperne di più, vi consigliamo di leggere Cellule zombie e invecchiamento - Come combattere le cellule morte ambulanti

Come liberarsi delle cellule senescenti

Sostenere il sistema immunitario

La prima linea di difesa consiste nel sostenere il sistema immunitario. Il sistema immunitario è fondamentale per eliminare queste cellule. La vitamina C è un potente antiossidante che combatte lo stress ossidativo, rafforza il sistema immunitario, aiuta a guarire e riparare le ferite e molto altro ancora. L'assunzione di vitamina C in forma liposomiale è un modo per assicurarsi di assorbire questa vitamina cruciale e sperimentare i suoi benefici per la salute. Per saperne di più, leggete Vitamina C Megadose - Dal raffreddore alla longevità.

Assumere senolitici

I composti senolitici sono stati utilizzati per distruggere selettivamente le cellule senescenti. Sebbene la ricerca sia ancora in corso, esistono diversi prodotti naturali che possono aiutare a eliminare le cellule senescenti.

PRESERVAGE

Il nostro prodotto, Preservage, contiene quercetina. Questa molecola è un flavonoide vegetale presente in bacche, mele, tè verde, vino rosso e cipolle. La quercetina è un leggero senolitico che agisce attraverso la via dell'AMPK per aiutare a eliminare queste cellule. Inoltre, stimola le sirtuine che controllano la morte cellulare.

Fisetina

La fisetina è un polifenolo presente in fragole, mele, uva, cachi, cetrioli e cipolle. È stato dimostrato che la fisetina è efficace nel ridurre i marcatori di senescenza. È possibile assumere la fisetina sotto forma di integratore e aumentare la quantità di questi alimenti nella dieta.

Esaurimento delle cellule staminali - riduzione dell'attività delle cellule staminali

"Lecellule staminali sono cellule umane speciali in grado di svilupparsi in molti tipi di cellule diverse. Possono andare dalle cellule muscolari alle cellule cerebrali. In alcuni casi possono anche riparare i tessuti danneggiati. I ricercatori ritengono che le terapie basate sulle cellule staminali potrebbero un giorno essere utilizzate per trattare malattie gravi come la paralisi e il morbo di Alzheimer".

- Centro medico dell'Università di Rochester - Enciclopedia della salute

Le cellule staminali sono la fonte o il progenitore di tutte le cellule del corpo. Aiutano le cellule a rigenerarsi. Tra le molte altre funzioni, svolgono un ruolo vitale nella riparazione dei tessuti, nella funzione immunitaria e nella produzione di sangue. Purtroppo, con l'avanzare dell'età, perdono la capacità di dividersi e la loro attività diminuisce lentamente.

Le cause principali del declino della funzione sono i danni al DNA, la sovraespressione di proteine che inibiscono il ciclo cellulare e l'esaurimento dei telomeri. Un'altra causa è la presenza di un'infiammazione cronica di basso grado causata dallo stress ossidativo e dalle continue secrezioni delle cellule senescenti. Questa costante infiammazione di basso grado è nota come "inflammaging" perché è associata all'invecchiamento.

Sebbene le cellule staminali siano in grado di rigenerarsi da sole, con l'avanzare dell'età il ritmo rallenta e così anche la qualità. Si ritiene che questa sia una delle cause delle malattie croniche.

Come aiutare le cellule staminali

Poiché l'esaurimento delle cellule staminali è il risultato dei precedenti fattori che influenzano l'invecchiamento, seguire le misure preventive menzionate in questo articolo e nel primo articolo aiuterà a proteggere le cellule staminali. Riducete al minimo l'esposizione alle tossine ambientali che possono causare stress ossidativo, seguite una dieta sana e fate esercizio fisico. Per aiutare l'organismo a elaborare le tossine, l'integrazione con il glutatione è una buona opzione.

Il glutatione è noto come "maestro disintossicante" e protegge le cellule e il DNA dai danni, ottimizza il sistema immunitario, aiuta l'organismo a eliminare i metalli pesanti e le tossine e protegge i mitocondri. Per saperne di più, leggete Cos'è il glutatione e perché è anti-invecchiamento?

Youth & Earth ha il glutatione liposomiale che ha un'eccellente biodisponibilità.

Comunicazione intercellulare alterata - "telefono rotto" tra le cellule

"Lacomunicazione intercellulare è il trasferimento di informazioni da una cellula all'altra. Le cellule si segnalano a vicenda attraverso il contatto diretto o il rilascio di una sostanza da una cellula che viene assunta da un'altra. La comunicazione intercellulare è importante perché le cellule crescano e funzionino normalmente. Le cellule che perdono la capacità di rispondere ai segnali di altre cellule possono diventare cellule tumorali".

- NIH - Istituto nazionale del cancro

Le nostre cellule comunicano tra loro attraverso vie di segnalazione come i sistemi endocrino, neuroendocrino e neuronale. Tuttavia, con l'avanzare dell'età, i livelli di infiammazione tendono ad aumentare grazie ai precedenti segni distintivi dell'invecchiamento, causando una reazione infiammatoria di basso grado che influisce negativamente sulla capacità di inviare e ricevere correttamente i segnali. È un po' come un "telefono rotto" in cui la cellula potrebbe non rispondere o interpretare correttamente il segnale.

L'infiammazione continua (nota come inflammaging) finisce per deregolamentare i segnali cellulari e causare un declino del sistema immunitario. Si ritiene che questa sia una delle cause principali del declino delle funzioni che si osserva con l'età.

Le cause più comunemente citate sono un sistema immunitario disfunzionale, un accumulo di danni tissutali pro-infiammatori, citochine pro-infiammatorie secrete dalle cellule senescenti e un'eccessiva attivazione della via NF-κB.

La via NF-kB è la via o il processo principale che regola l'infiammazione. Se mantenuta in equilibrio, aiuta l'organismo a rispondere e a guarire in caso di ferite o danni. Tuttavia, un'infiammazione continua è distruttiva e alti livelli di NF-kB sono stati associati a molte condizioni croniche e ai "sintomi" dell'età, come la perdita di massa muscolare, la debolezza muscolare e la perdita di massa ossea.

Come migliorare la comunicazione cellulare

L'alterazione della comunicazione cellulare è il risultato finale delle caratteristiche precedenti. Intervenendo sui fattori che causano tali caratteristiche, potrete ridurre l'infiammazione nel vostro corpo, aiutando così le vostre cellule a comunicare. Ancora una volta, anche gli integratori possono essere utili.

In particolare, l'olio di krill è un potente antinfiammatorio che inibisce l'NF-kB.

Ancora una volta, si consiglia l'assunzione di NMN o NR per migliorare la comunicazione intercellulare attraverso l'attivazione delle sirtuine.

Conclusione

La teoria degli Hallmarks of Aging è ancora una novità quando si parla di teorie sull'invecchiamento. Detto questo, da quello che sappiamo, ci sono misure proattive che possiamo adottare per prevenire ciascuno dei 9 segni distintivi. È importante ricordare che questi fattori sono interrelati e che anche i più piccoli accorgimenti possono influire su ciascun segno distintivo.

Non è mai troppo tardi per iniziare a modificare il proprio stile di vita e ad aggiungere integratori naturali per sostenere il corpo durante l'invecchiamento. Il corpo umano è incredibile e, fornendogli i giusti elementi costitutivi, è possibile iniziare a riportare indietro le lancette del tempo.

"Non si può riportare indietro l'orologio. Ma si può riavvolgere".

- Bonnie Pruden

Il contenuto di questo articolo è solo a scopo informativo. Non intende sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un medico professionista. Chiedete sempre il parere del vostro medico o di un operatore sanitario prima di iniziare un nuovo regime o programma di salute. Non ignorate il parere del medico o non ritardate la sua richiesta a causa di qualcosa che avete letto su questo sito o su qualsiasi prodotto Youth & Earth.

Search