EUR (€) / Italiano
  • Accedi

Perché la vitamina D3 (colecalciferolo) può aumentare la longevità

Sapevate che la vitamina D3 o colecalciferolo non solo è fondamentale per la salute delle ossa, ma rafforza anche il sistema immunitario e può contribuire a migliorare il funzionamento cardiovascolare? Scoprite perché è importante assicurarsi che i livelli di questa vitamina anti-invecchiamento siano ottimali.

Durante la vostra vita quotidiana, vi siete mai soffermati a pensare se avete qualche carenza nutrizionale? Per esempio, vi preoccupa il fatto che il vostro apporto giornaliero di vitamina D3 possa essere inferiore ai 10-20 microgrammi raccomandati dall'Istituto di Medicina degli Stati Uniti?

Dato il ruolo fondamentale che la vitamina D svolge nell'organismo, quantità insufficienti potrebbero ostacolare il vostro livello di attività e produttività e, in ultima analisi, compromettere la vostra salute.

Cos'è la vitamina D e il colecalciferolo?

Il coleciferolo è una delle forme di vitamina D. Le vitamine sono molecole contenenti carbonio, classificate come organiche e molto importanti per il funzionamento, la crescita e lo sviluppo delle cellule. Finora sono note 13 vitamine, di cui 9 solubili in acqua e 4 solubili in grassi o lipidi. La vitamina D, insieme alle vitamine A, E e K, è liposolubile e viene assorbita attraverso il tratto digestivo.

La vitamina D è stata scoperta all'inizio del XX secolo come cura primaria per il rachitismo. Inizialmente esistevano 3 forme di vitamina D (D1, D2 e D3). Tuttavia, in seguito si scoprì che la vitamina D1 era un prodotto dell'irradiazione della vitamina D2 e del tachysterolo e fu eliminata come forma separata.

Le uniche forme nutrizionali di vitamina D presenti nell'uomo sono la vitamina D2, nota anche come ergocalciferolo, e la vitamina D3, nota come colecalciferolo. La fonte della vitamina D2 sono gli steroli vegetali, mentre la D3 è prodotta dalla pelle.

Come viene sintetizzato il colecalciferolo (vitamina D3)?

La vitamina D3 è prodotta da uno speciale lipide (uno zoosterolo) chiamato 7-deidrocolesterolo (7-DHC) che si trova nello strato epidermico della pelle. Questo lipide è anche coinvolto nella biosintesi del colesterolo.

Quando è esposto alle radiazioni solari, lo sterolo assorbe i fotoni della gamma di radiazioni ultraviolette B (UVB). Ciò provoca una reazione fotochimica nota come fotolisi che forma il precolecalciferolo o pre-vitamina D3. In seguito subisce un altro processo, chiamato isomerizzazione termica, che la riorganizza in una molecola inattiva più stabile di vitamina D3 o colecalciferolo.

Quando è appena sintetizzata, la vitamina D3 è inattiva e ha una bassa solubilità in acqua. Pertanto, esce dalla membrana plasmatica delle cellule cutanee e si sposta nel liquido extracellulare. Qui si attacca alla proteina legante la vitamina D3 (DBP) e viene trasportata attraverso il sangue al fegato.

Nel fegato, la vitamina D3 inattiva subisce un processo chiamato idrossilazione che la converte in calcidioloo 25-idrossivitamina D (25(OH)D). Questa molecola viene poi trasportata al rene dove viene convertita dal calcidiolo in calcitriolo o 1,25(OH)D.

Sebbene il calcitriolo sia la forma più attiva della vitamina D3, normalmente il calcidiolo viene utilizzato come indicatore dello stato della vitamina D3 in una persona. Pertanto, quando si esegue un esame del sangue, questa è la forma di vitamina D che viene misurata ed è la forma più abbondante di vitamina D3 nel sistema circolatorio.

È importante notare che una sana funzionalità epatica e renale svolge un ruolo importante nella conversione del colecalciferolo inattivo (vitamina D3) nelle forme più attive di calcidiolo e calcitriolo. Per saperne di più su come il nostro corpo produce la vitamina D, guardate questo video di Corporis.

A cosa serve la vitamina D3?

La vitamina D3 svolge un ruolo fondamentale nella regolazione di processi fisiologici come il metabolismo del calcio (per lo sviluppo e la salute delle ossa), l'immunità, la crescita cellulare e la funzione cardiovascolare. Vi interessa sapere come agisce? Scopriamolo: ecco alcuni dei modi in cui apporta benefici alla nostra salute.

La vitamina D3 favorisce l'assorbimento di calcio e fosforo, minerali essenziali per la salute delle ossa.

L'assorbimento ottimale di calcio e fosforo è fondamentale per la prevenzione dell'osteoporosi e la protezione delle ossa. La quantità totale di calcio che l'organismo assorbe dalla dieta dipende da due fattori principali: Uno è la quantità effettiva consumata e l'altro è l'efficienza del processo di assorbimento, regolato dalla vitamina D3.

In una studio del 2008i ricercatori hanno dimostrato che la carenza di vitamina D3 causa in ultima analisi un malassorbimento del calcio. Nell'intestino, il calcitriolo, la forma attiva della vitamina D3, si lega ai recettori della vitamina D (VDR) e stimola il sistema di trasporto del calcio.

Per quanto riguarda l'assorbimento del fosforo, il calcitriolo aumenta i livelli del sistema di trasporto del fosfato sodio-dipendente, che aiuta le cellule ad assorbire più fosforo.

La vitamina D3 può contribuire a proteggere il cervello e a preservare lo sviluppo neurologico

Uno studio pubblicato nel 2012 ha dimostrato che il calcitriolo (la forma attiva della vitamina D 3) ha alcuni effetti neuroprotettivi. Ad esempio, è risultato efficace nell'eliminare le placche amiloidi, una caratteristica tipica dell'Alzheimer.

In un'approfondita revisione della letteratura sul ruolo della vitamina D3 e sullo sviluppo neurologico e la salute del cervello, i ricercatori hanno concluso che ci sono sempre più prove che suggeriscono che la vitamina D è necessaria per il normale sviluppo e funzionamento del cervello. Hanno trovato un'associazione tra bassi livelli di vitamina D3 e un'ampia gamma di condizioni neurologiche come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla e altri disturbi neurocognitivi. I ricercatori hanno concluso che sono necessari ulteriori studi in questo campo, visto che l'integrazione di vitamina D è ampiamente disponibile.

La vitamina D3 può aiutare la riparazione delle fratture

La relazione tra vitamina D3 e fratture può essere vista in due modi. In primo luogo, quando i livelli di vitamina D3 sono bassi, gli individui possono sviluppare condizioni come l'osteoporosi e la debolezza muscolare che possono aumentare il rischio di cadute e fratture.

Quando si verificano le fratture, la vitamina D3 interviene per aiutare il processo di guarigione. In un piccolo studiosullo stato della vitamina D e sulla guarigione delle fratture negli adulti, i ricercatori hanno scoperto che la guarigione delle fratture era ritardata nei partecipanti che presentavano una carenza di vitamina D. La ricerca sembra indicare che lo stato della vitamina D al momento della frattura influisce sulla guarigione della stessa.

La vitamina D3 può aiutare la salute cardiovascolare

L'ipertensione arteriosa è uno dei principali fattori di rischio della morbilità globale. La vitamina D3 e i suoi effetti sulla salute cardiovascolare sono un'area che ha attirato molte ricerche scientifiche, anche se i risultati sono stati incoerenti e sono necessari ulteriori studi. In una revisione della letteratura, i ricercatori hanno concluso che le prove attuali suggeriscono che livelli più bassi di vitamina D sono correlati a un rischio più elevato di malattie cardiovascolari e condizioni correlate, ma sono necessarie ricerche più conclusive.

La vitamina D3 può aiutare a rafforzare il sistema immunitario

Il recettore della vitamina D (VDR) è presente nelle cellule immunitarie, come le cellule presentanti l'antigene, le cellule T e le cellule B. Ciò significa che le cellule possono sintetizzare la forma attiva della vitamina D3. La ricerca ha dimostrato che la vitamina D3 è in grado di regolare la risposta immunitaria, favorendo l'autoimmunità e riducendo la suscettibilità alle infezioni.

Vitamina D e COVID

Alla luce della pandemia di COVID, diverse società mediche hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sulla vitamina D e la COVID: "I dati attuali non forniscono alcuna prova che l'integrazione di vitamina D aiuti a prevenire o a trattare l'infezione da COVID-19; tuttavia, le nostre indicazioni non precludono ulteriori studi sui potenziali effetti della vitamina D sulla COVID-19". Le ricerche condotte finora suggeriscono che la vitamina D può svolgere un ruolo nel potenziamento della risposta immunitaria e, dato il lavoro precedente che ha dimostrato il ruolo della forma attivata della vitamina D [1,25(OH)2D] nelle risposte immunitarie, sono giustificate ulteriori ricerche sull'integrazione di vitamina D nella malattia COVID-19".

Tuttavia, alla luce delle prove osservative osservate, i ricercatori raccomandano di esporsi quotidianamente alla luce solare per 15-30 minuti (senza scottature) o di assumere un integratore alimentare di vitamina D per garantire livelli ottimali di tale vitamina.

È opportuno assumere la vitamina K con la vitamina D3?

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, un numero crescente di prove suggerisce che è importante assumere la vitamina K con la vitamina D3 perché l'integrazione congiunta può essere più efficace per la salute delle ossa e del sistema cardiovascolare.

Il calcio è importante per mantenere la salute delle ossa. Tuttavia, per essere assorbito efficacemente e raggiungere la massa ossea, ha bisogno dell'apporto della vitamina D3 e della vitamina K2. La vitamina K2 (nota anche come MK-7) è particolarmente importante perché attiva l'osteocalcina, una proteina che integra il calcio nelle ossa. La vitamina D e la vitamina K agiscono insieme per garantire che le ossa assorbano una quantità sufficiente di calcio.

La vitamina K2 è anche responsabile dell'attivazione della proteina GLA della matrice. La proteina attivata si lega al calcio in eccesso, migliorando la flessibilità e il flusso delle arterie. Ciò impedisce la calcificazione delle arterie, riduce il restringimento dei vasi sanguigni e minimizza il rischio di infarto.

La vitamina K si trova nei seguenti alimenti:

  • Verdure a foglia verde come cavolo, spinaci, bietole e lattuga a foglia verde.

  • Verdure verdi come broccoli, cavoli, cavolfiori e cavolini di Bruxelles.

  • Cereali arricchiti, pesce, fegato, carne e uova.

La vitamina D è anti-invecchiamento?

Sì, per il suo ruolo essenziale in molti processi dell'organismo, come la salute delle ossa, del sistema neurologico e del sistema immunitario, la vitamina D3 è un'importante molecola anti-invecchiamento da includere nel proprio regime di salute per la longevità.

Con l'avanzare dell'età, la produzione di calcitriolo si riduce del 50% a causa del deterioramento della funzione renale dovuto all'età. Il declino della funzione renale porta a una riduzione dell'attività dell'enzima responsabile della conversione del calcidiolo in calcitriolo.

L'invecchiamento porta anche a una pre-vitamina D3 di circa il 50% della vitamina D nella pelle. Rispetto ai giovani, gli anziani hanno una concentrazione ridotta di 7-deidrocolesterolo, il substrato della vitamina D3 nell'epidermide. Inoltre, gli anziani hanno una risposta ridotta alla luce UVB. Questo riduce ulteriormente la formazione di pre-vitamina D3 di circa il 50%..

Ci sono anche indicazioni che la vitamina D possa proteggere la lunghezza dei telomeri, un indicatore dell'invecchiamento. In uno studio è stato dimostrato che, in una popolazione di adulti rappresentata a livello nazionale, i livelli di vitamina D erano associati a una maggiore lunghezza dei telomeri, indipendentemente da altri fattori. Si ritiene che ciò sia dovuto alle proprietà antinfiammatorie della vitamina D.

Per saperne di più sulla vitamina D e sull'invecchiamento, nonché su come trovare il "punto giusto", guardate il video della dottoressa Rhonda Patrick.

Volete saperne di più sugli integratori naturali antinfiammatori? Leggete Cos'è l'olio di krill e perché fa bene?

Quali sono le cause dei bassi livelli di vitamina D?

Bassi livelli di vitamina D possono essere causati da diversi fattori:

  • Insufficienza alimentare: l'NHS raccomanda agli adulti di assumere circa 10 microgrammi di vitamina D al giorno. Il consumo di quantità inferiori a questa soglia può portare a una carenza e il consumo di quantità superiori a 100 microgrammi può essere dannoso.

  • Assorbimento compromesso: La salute dell'intestino gioca un ruolo fondamentale nell'assorbimento della vitamina D3. Le persone affette da malattie come la celiachia, la fibrosi cistica e la pancreatite cronica possono avere un ridotto assorbimento di vitamina D3. Anche le infezioni epatiche e renali possono ridurre l'assorbimento.

  • Esposizione inadeguata alla luce solare: Le persone che vivono a latitudini più elevate, come l'Europa settentrionale, sono maggiormente esposte al rischio di sviluppare una carenza di vitamina D3. Durante l'inverno, la bassa angolazione del sole in queste aree comporta una scarsa produzione di vitamina D3 da parte dei raggi UVB. Inoltre, chi ha una predisposizione al cancro della pelle o ne ha avuto uno dovrebbe evitare di esporsi al sole senza protezione.

  • Obesità:L'Organizzazione Mondiale della Sanità considera obeso un indice di massa corporea (IMC) pari o superiore a 30 kg/m2 . In linea con questa classificazione, circa il 70% degli americani di età superiore ai 60 anni è obeso. Livelli più elevati di IMC sono associati a concentrazioni più basse di 25-idrossivitamina D3.

  • Età: le persone più giovani hanno una maggiore concentrazione di 7-deidrocolesterolo e la loro pelle è molto più sensibile ai raggi UVB rispetto alle persone più anziane.

Per avere un quadro preciso dei livelli di vitamina D (calcidiolo), è importante sottoporsi a un esame del sangue. Le linee guida della National Osteoporosis Society (NOS) (Regno Unito, 2013) e dell'Institute of Medicine (USA) prevedono le seguenti classificazioniper la vitamina D:

Carente - livelli di calcidiolo inferiori a 30 nmol/L.

Inadeguato- livelli di calcidiolo compresi tra 30-50 nmol/L (può essere inadeguato per alcuni).

Sufficiente - livelli di calcidiolo superiori a 50 nmol/L è sufficiente per tutta la popolazione.

Quali sono i segni di una carenza di vitamina D3?

Esistono due modi principali per sapere se si è carenti di vitamina D3 o meno. Il più accurato è il test sullo stato della vitamina D3 e il secondo è l'osservazione dei sintomi. I sintomi sono generalmente lievi e possono essere attribuiti anche ad altri fattori. Se riconoscete uno di questi sintomi, è meglio consultare il vostro medico di fiducia prima di fare un'autodiagnosi.

Ecco alcuni dei segni più comuni di bassi livelli di vitamina D:

  • Ammalarsi o infettarsi spesso

  • Stanchezza e affaticamento

  • Dolori alle ossa e alla schiena

  • Depressione

  • Improvvisa guarigione delle ferite

  • Perdita di massa ossea e debolezza scheletrica

  • Dolore muscolare

Quali sono le fonti di vitamina D?

Esistono tre fonti principali di vitamina D3 che si possono sfruttare per aumentare i livelli sierici di vitamina D.

Alimenti che contengono vitamina D

Alcune delle fonti alimentari di vitamina D3 sono gli oli di fegato di pesce e i pesci grassi come lo sgombro, il tonno e il salmone. È interessante notare che anche i funghi sono una buona fonte di vitamina D, soprattutto se sono stati al sole.

Al giorno d'oggi la maggior parte degli alimenti è arricchita di vitamine e quindi è una ricca fonte di vitamina D3. Gli alimenti di origine animale, come pollo, manzo, maiale, tacchino e uova, sono particolarmente indicati.

Esposizione alla luce solare

Un'adeguata esposizione al sole, soprattutto in estate, può contribuire ad aumentare i livelli di vitamina D3. A studio pubblicato nel 2009 ha dimostrato che l'esposizione al sole estivo di mezzogiorno per soli 30 minuti equivale a un apporto di vitamina D3 di 10.000-20.000 UI. Tuttavia, è importante notare che questo metodo può mettere a rischio di cancro della pelle e di invecchiamento precoce a causa dei danni provocati dai raggi UVA e UVB. È meglio usare questo metodo con cautela e assicurarsi di evitare le scottature.

Integratori alimentari

L'American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda un'integrazione giornaliera di 400 UI di vitamina D3 sia per gli adolescenti che per i bambini più grandi che non assumono abbastanza vitamina D3 attraverso gli alimenti. Esistono inoltre prove che dimostrano che l'integrazione di vitamina D3 in quantità giornaliere di circa 700-800 UI può ridurre il rischio di fratture negli adulti.

L'assunzione di un integratore di vitamina D3 di alta qualità è uno dei modi migliori per garantire un apporto sufficiente di vitamina D3.

Conclusione

La vitamina D3 è un potente nutriente che può essere ottenuto da alimenti, integratori o semplicemente crogiolandosi al sole estivo. La carenza di vitamina D3 è così sottile che spesso passa inosservata. Questo è particolarmente preoccupante per le persone che normalmente si considerano sane.

Gli anziani e le persone con condizioni preesistenti che possono impedire l'assorbimento della vitamina D3, soprattutto a livello intestinale, sono ad alto rischio. L'approccio migliore e sano consiste nel conoscere il proprio stato di vitamina D3 e nel prendere le misure necessarie per integrare e arricchire la propria dieta, se necessario.

Youth & Earth rilascerà prossimamente un integratore di vitamina D liposomiale. Sarà dello stesso livello dei nostri integratori naturali che prevengono e rallentano l'invecchiamento.

Non si può fare a meno di invecchiare, ma non si deve invecchiare.

George Burns

Il contenuto di questo articolo è solo a scopo informativo. Non intende sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un medico professionista. Chiedete sempre il parere del vostro medico o di un operatore sanitario prima di iniziare un nuovo regime o programma di salute. Non ignorate il parere del medico o non ritardate la sua richiesta a causa di qualcosa che avete letto su questo sito o su qualsiasi prodotto Youth & Earth.

Search