EUR (€) / Italiano
  • Accedi

Cinque facili trucchi anti-invecchiamento per aumentare la vostra longevità

Sapevate che è possibile hackerare l'invecchiamento? In termini non tecnologici, un hack è una scorciatoia, una soluzione rapida o addirittura un'alternativa a quello che è considerato il modo "normale" di fare qualcosa. Gli hack anti-invecchiamento sono modi per prevenire, rallentare e forse anche invertire il deterioramento che di solito associamo all'età, in modo da poter recuperare e mantenere la nostra forza e vitalità.

Cosa sono i trucchi anti-invecchiamento?

In poche parole, i trucchi anti-invecchiamento sono cose che si possono fare per rallentare o addirittura prevenire la progressione delle condizioni legate all'età. Se fate una ricerca su trucchi o consigli anti-invecchiamento, troverete migliaia di risultati, dall'uso delle cipolle per trattare i capelli bianchi all'ultima iniezione per attenuare le rughe. Alcuni di questi trucchi funzioneranno, mentre altri potrebbero fornire un miglioramento esterno temporaneo, ma non riusciranno a trattenere a lungo le lancette del tempo. Con così tante informazioni in circolazione, può essere difficile sapere da dove cominciare per contrastare l'invecchiamento.

Noi di Youth & Earth crediamo che affrontare la causa dell'invecchiamento a livello cellulare sia uno dei modi migliori. La scienza ha proposto quattro vie che possono influenzare la longevità: AMPK, SIRT, MTOR e Nf-KB. Se si agisce su queste vie, si possono affrontare le cause cellulari dell'invecchiamento che non solo aiutano a sembrare più giovani, ma anche a sentirsi più giovani. Quando scegliete un hack anti-invecchiamento, cercate quelli che influenzano una di queste vie, in modo da sapere che state affrontando le potenziali cause dell'invecchiamento a un livello cellulare più profondo.

In questo articolo abbiamo illustrato 5 facili trucchi anti-invecchiamento che sono semplici, possono essere iniziati in qualsiasi momento e, soprattutto, non costano nulla. L'unica cosa di cui avete bisogno per accompagnarli è un atteggiamento positivo per vivere appieno la vita e assumere un ruolo attivo nel migliorare la vostra salute.

Per saperne di più sulle vie della longevità, leggete Le vie della longevità - Come vivere una vita felice, sana e lunga.

Trucco anti-invecchiamento n. 1: Terapia con acqua fredda e calore della sauna

Lo stress da caldo e freddo (o terapia) è un trucco anti-invecchiamento che sfrutta i benefici terapeutici dell'esposizione del corpo a temperature estreme, nel tentativo di migliorare la salute mitocondriale. La terapia del freddo può essere praticata facilmente, dalla doccia fredda ai bagni di ghiaccio e alla crioterapia (che prevede l'esposizione a -100-250℃ in un ambiente controllato). D'altra parte, la terapia del calore prevede l'esposizione a temperature che vanno dai 70 ai 100 gradi centigradi attraverso la sauna e persino le docce calde su piccola scala.

Quali sono i benefici anti-invecchiamento della terapia con acqua fredda?

Tutti abbiamo visto fotografie di persone che si immergono in oceani e laghi freddi. Oltre al brivido di fare qualcosa di impegnativo e avventuroso, questa pratica offre anche alcuni solidi benefici per la salute. Eccone alcuni per motivarvi a fare un tuffo.

Attiva l'AMPK, che regola il metabolismo e può aiutare a perdere peso.

La terapia con acqua fredda (che si tratti di un bagno di ghiaccio o di una nuotata invernale) attiva l'AMPK (l'interruttore generale del metabolismo) che regola il modo in cui il nostro corpo utilizza l'energia. Ciò include l'utilizzo del grasso immagazzinato a scopo energetico, la riduzione dei livelli di zucchero nel sangue, aumentare il numero di mitocondri (i produttori di energia nelle cellule) e diminuisce l'infiammazione. Inoltre, attiva le cellule di grasso bruno buono che ci tengono al caldo e aiuta a bruciare il grasso bianco che ci fa male e che è causato dal mangiare troppo.

La terapia dell'acqua fredda riduce l'infiammazione e l'indolenzimento muscolare post-esercizio

Negli ultimi anni abbiamo visto sempre più immagini e video di atleti seduti in bagni di ghiaccio. Il motivo è che è stato dimostrato che l'acqua fredda riduce la gravità del DOMS (Delayed Onset of Muscle Soreness). Se avete avuto una giornata fisicamente faticosa o avete iniziato un nuovo programma di esercizi, provate l'immersione in acqua fredda. Una revisione sistematica è stata condotta dalla biblioteca Cochrane da tre autori per determinare l'effetto dell'immersione in acqua fredda (CWI) nel ridurre l'indolenzimento muscolare dopo l'esercizio. Sono stati analizzati diciassette studi di piccole dimensioni e diciannove studi. Gli autori hanno concluso che ci sono alcune prove che la CWI abbia benefici terapeutici nel ridurre l'indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata, rispetto a nessun intervento o al riposo nella gestione dell'indolenzimento muscolare.

Migliora la circolazione sanguigna e il drenaggio linfatico

Avete mai notato che il vostro corpo diventa rosa quando è freddo? Questo perché il freddo stimola la circolazione sanguigna. Quando il corpo si raffredda, i vasi sanguigni si restringono e il sangue viene deviato verso gli organi vitali. Di conseguenza, il cuore deve lavorare un po' di più per far circolare il sangue in tutto il corpo, per riscaldarlo e per trasportare ossigeno e sostanze nutritive a tutte le cellule.

Il sistema linfatico svolge un ruolo fondamentale nella rimozione di scorie e tossine dal corpo. Un accumulo di tossine può causare danni alle cellule, infiammazioni e invecchiamento precoce. L'acqua fredda provoca inoltre la contrazione dei vasi linfatici, favorendo l'eliminazione delle scorie dai muscoli e dai tessuti.

Sapevate che il glutatione è il "principale disintossicante"? Per saperne di più, leggete Cos'è il glutatione e perché è anti-invecchiamento?

L'acqua fredda migliora l'umore e può aiutare la depressione

Immergersi nell'acqua fredda può anche aiutare l'umore perché rilascia endorfine e noradrenalina che ci fanno sentire felici e vivi. Nel 2007, ricercatori hanno scoperto che le docce fredde aiutavano ad alleviare i sintomi della depressione anche in coloro ai quali non era stata diagnosticata. Se vi sentite giù, provate a fare una nuotata nell'oceano freddo o anche una breve doccia fredda. Oltre a tutti i benefici fisiologici, sperimenterete anche i benefici psicologici di affrontare una sfida. Per saperne di più sui benefici della terapia del freddo, guardate il video qui sotto di Growth Mindset.

Quali sono i benefici della terapia del calore in sauna?

Se siete mai stati in una sauna, saprete quanto possa essere rilassante, soprattutto se siete stati molto stressati. Il calore della sauna migliora la circolazione, allevia il dolore e può incoraggiare il corpo a rilassarsi. È stato inoltre dimostrato che migliora la salute cardiovascolare in misura simile a un allenamento cardio e che l'uso regolare della sauna influisce sulla longevità.

Uno studio è stato condotto su oltre 2300 persone di età compresa tra i 42 e i 60 anni per determinare gli effetti di frequenti bagni in sauna sull'inibizione della mortalità cardiovascolare e di tutte le cause. Lo studio ha dimostrato che 4-7 sedute di sauna settimanali per circa 11 minuti hanno ridotto la mortalità per tutte le cause. Inoltre, anche una sola seduta settimanale ha apportato benefici significativi alla salute mitocondriale e alla longevità complessiva. Per saperne di più sui benefici dell'uso regolare della sauna, guardate questo video di Jason Bracht.

Come utilizzare l'acqua fredda e la terapia del calore nella vita quotidiana

Prima di iniziare a mettere in pratica questi consigli nella vita quotidiana, è importante consultare il proprio medico di fiducia, soprattutto se si soffre di una condizione di salute cronica come malattie cardiovascolari o ipertensione. Se siete d'accordo, ecco alcuni semplici modi per sfruttare i benefici del freddo e del caldo.

  • Uno dei modi più semplici è quello di terminare la doccia calda con uno spettacolo di acqua fredda di 30-90 secondi. Iniziate con un'esplosione di 30 secondi e poi, gradualmente, fate una doccia lunga. Non dimenticate di respirare!

  • Se vi sentite audaci, aggiungete due sacchetti di ghiaccio alla vasca da bagno e immergetevi nell'acqua fredda per un massimo di 10-15 minuti.

  • Dopo l'allenamento, entrate in una piscina fredda o fate una gita nel fine settimana in un oceano o in un lago freddo per fare un tuffo. (Assicuratevi di vestirvi bene e di portare con voi una fiaschetta di cioccolata calda per aumentare le endorfine).

  • Fate una seduta settimanale di sauna presso il vostro centro benessere o la vostra palestra, oppure investite in una sauna domestica o in una tuta da sauna portatile.

Trucco anti-invecchiamento n. 2: Limitazione delle calorie per la longevità

Sapevate che gli abitanti di Okinawa (una delle zone blu) seguono un principio chiamato "Hara Hachi Bu". Ciò significa che si mangia fino all'80% di sazietà. Che cosa significa? Si mangia finché non si ha più fame, non si è sazi. Mangiare una dieta ipocalorica è forse uno dei fattori che permette loro di raggiungere una vita così lunga e produttiva.

Se siete interessati a saperne di più sulle Zone Blu, leggete Lezioni dalle Zone Blu - Sentirsi più giovani più a lungo.

Oltre a ridurre le probabilità di sovrappeso e di sviluppare patologie croniche come il diabete, la restrizione calorica attiva e inibisce le vie della longevità.

Che cos'è la restrizione calorica?

La restrizione calorica è un modo per ridurre il consumo medio giornaliero di calorie (evitando la malnutrizione), in modo da trarre i benefici che si sostengono per la longevità. Fa parte di una serie di altre strategie dietetiche, come il digiuno intermittente e la restrizione proteica, che mirano a migliorare i marcatori dell'invecchiamento.

La restrizione calorica è stata collegata alla riduzione di malattie come il cancro, il diabete, i disturbi neurali e le malattie cardiovascolari ed è stato dimostrato che aumenta la durata della vita di alcuni insetti e animali.

In uno degli studi più noti, il Comprehensive Assessment of Long-Term Effects of Reducing Intake of Energy(CALERIE), 218 adulti sono stati divisi in due gruppi e a un gruppo è stato ridotto l'apporto calorico del 25% per 2 anni. Sebbene il gruppo sperimentale non sia riuscito a raggiungere l'obiettivo di una riduzione del 25%, ha ottenuto una riduzione del 12% (circa 300 calorie). Il gruppo sperimentale ha perso il 10% del peso durante la durata dello studio e ha mantenuto la perdita di peso durante uno studio di follow-up 2 anni dopo. È stato inoltre osservato che i fattori di rischio per le malattie legate all'età, come ictus, malattie cardiache e diabete, erano diminuiti. Inoltre, i partecipanti non hanno avuto effetti collaterali gravi e hanno sperimentato una migliore qualità della vita, del sonno e dell'umore.

In un altro studio di 2 anni studioi partecipanti a una dieta ipocalorica (che mangiavano il 15% di calorie in meno rispetto agli altri) hanno mostrato una riduzione dello stress ossidativo del 20%. Il gruppo sottoposto a restrizione calorica aveva anche un tasso metabolico basale più basso (del 10%) rispetto al resto del gruppo durante il sonno.

Come funziona la restrizione calorica per la longevità?

È stato dimostrato che la restrizione calorica aumenta la durata della vita di molti animali. Ciò sembra indicare che possa influenzare anche la nostra longevità come esseri umani. Oltre a favorire la perdita di peso, con immediati benefici per la salute, sembra che agisca anche come segue:

Attiva le sirtuine (SIRT), la via della longevità che regola la salute cellulare.

Le sirtuine sono proteine fondamentali che regolano la salute cellulare attraverso una molecola chiamata NAD+. Attivano e disattivano i geni anti-invecchiamento, regolano la morte cellulare, riparano il DNA e svolgono un ruolo nel metabolismo. Uno dei modi per attivare questa via è la restrizione calorica.

Per saperne di più su questo percorso anti-invecchiamento, leggete Come le sirtuine e il NAD+ influenzano la longevità.

Attiva la via della longevità AMPK

Uno dei modi per attivare l'AMPK è la restrizione calorica o l'assunzione di un integratore che imiti la restrizione calorica, come la berberina. L'attivazione dell'AMPK offre numerosi benefici che influiscono positivamente sulla durata e sulla qualità della vita.

Aiuta a regolare la via della longevità mTOR (mammalian target of rapamycin).

Questa via della longevità controlla la crescita cellulare, il metabolismo, la funzione cerebrale, la rigenerazione cellulare e molti altri processi critici. Quando è regolata correttamente, la nostra salute e il nostro benessere prosperano, influenzando positivamente la durata della vita. Tuttavia, un eccesso di mTOR (dovuto al consumo di troppe calorie e proteine) è stato collegato a molte condizioni e malattie legate all'età. La chiave è mantenere questa via correttamente regolata e la restrizione calorica è uno dei metodi per farlo.

La restrizione calorica riduce lo stress ossidativo, un fattore chiave dell'invecchiamento e dell'infiammazione.

Lo stress ossidativo è legato ai danni alle cellule e al DNA e si ritiene che questo tipo di danno sia un fattore chiave dell'invecchiamento. È stato dimostrato che seguire una dieta ipocalorica senza malnutrizione riduce lo stress ossidativo e il danno cellulare che porta all'infiammazione. Inoltre, può inibire la via della longevità NF-kB che regola l'infiammazione nell'organismo. Livelli elevati di NF-kB sono stati associati a molte condizioni croniche legate all'invecchiamento.

Per saperne di più sull'infiammazione, vi consigliamo di leggere Come l'infiammazione influisce sulla salute e causa l'invecchiamento precoce.

È importante notare che la restrizione calorica non significa morire di fame. Infatti, gli studi dimostrano che i partecipanti che hanno perso drasticamente peso a causa di un'estrema restrizione calorica, in realtà hanno ripreso peso una volta iniziato a mangiare "normalmente". La maggior parte di noi ha sperimentato questa situazione quando ha tentato una dieta dimagrante altamente restrittiva.

Noi di Youth & Earth siamo convinti che seguire una dieta sana e fare esercizio fisico regolarmente sia molto utile per migliorare la salute e aumentare l'energia. Insieme ai cambiamenti di uno stile di vita sano, l'assunzione di un prodotto come RELEAF apporta molti dei benefici per la salute della restrizione calorica, ma in modo più duraturo e prevenendo le diete "yo-yo".

Come implementare la restrizione calorica nella vita di tutti i giorni

È importante notare che prima di intraprendere qualsiasi piano alimentare è fondamentale consultare il proprio medico curante, soprattutto se si soffre di patologie croniche. Una volta ottenuto il via libera, ecco alcuni semplici modi per implementare la restrizione calorica nel vostro stile di vita quotidiano.

  • Seguite il principio di Hara Hachi Bu. Mangiate finché non vi sentite più affamati, non sazi.

  • Mangiate in modo consapevole. Siate consapevoli di ciò che mangiate e cercate di mangiare in uno stato di rilassamento, in modo che il vostro corpo possa segnalarvi quando ne avete abbastanza.

  • Fate il pieno di verdure e insalata invece che di carboidrati come pasta, pane e riso.

  • Limitate i "dolcetti", non il cibo sano. Se siete abituati a concedervi un "dolcetto" al giorno, come un biscotto o una fetta di torta, provate a limitarlo a un giorno su due. Una volta constatato che siete in grado di farlo, limitatelo a ogni terzo giorno. Ricordate che i partecipanti che hanno avuto maggior successo nella perdita di peso sono stati quelli che hanno ridotto la loro assunzione del 12%. Limitando la quantità di alimenti non salutari, sarete sulla buona strada per ridurre le calorie giornaliere.

Trucco anti-invecchiamento n. 3 - Aumentare i livelli di vitamina D

La vitamina D, la vitamina del sole, è fondamentale per la nostra salute e longevità ed è coinvolta in numerosi processi cellulari. Ecco alcuni dei suoi benefici, ma la ricerca è in corso.

La vitamina D mantiene le ossa sane e forti

La vitamina D promuove l'omeostasi delle ossa e del calcio. L'omeostasi è la capacità di sostenere la funzione e la forma di una cellula o di una proteina nel tempo e di solito si perde con l'invecchiamento. La vitamina D, insieme ad altri minerali, aiuta l'organismo a produrre cellule ossee e a mantenere la salute delle ossa.

Aiuta a rafforzare i muscoli

Nuove ricercheindicano che la vitamina D è fondamentale per la costruzione e il rafforzamento dei muscoli. Uno dei primi segni dell'invecchiamento è la perdita di massa muscolare e il declino della funzione muscolare.

Ha un effetto positivo sul nostro sistema immunitario

La vitamina D aiuta anche a regolare il nostro sistema immunitario, la difesa naturale dell'organismo contro le infezioni e le malattie. I ricercatori hanno scoperto che la vitamina D può modulare aspetti della risposta immunitaria che possono aiutare l'organismo a combattere malattie e patologie. Ci sono anche indicazioni che la vitamina D possa aiutare l'organismo a combattere il virus dell'influenza. Attualmente sono in corso studi per determinare se l'aumento dei livelli di vitamina D possa aiutare la COVID 19, poiché i ricercatori hanno trovato indicazioni che indicano che bassi livelli di vitamina D sono correlati alla gravità dell'infezione.

La vitamina D può aiutare la depressione e l'umore

È stato rilevato che la vitamina D può contribuire ad alleviare i sintomi della depressione. Uno studio ha rilevato che i partecipanti si sentivano molto meglio una volta aumentati i loro livelli di vitamina D. Uno dei segni di una bassa quantità di vitamina D è un cambiamento di umore e la sensazione di depressione.

Sembra anche che influisca sui geni della longevità.

Gli studi su come, esattamente, la vitamina D influenzi i geni della longevità sono in corso, ma numerosi studi osservazionali hanno rilevato una diminuzione dei livelli di vitamina D in molte delle condizioni associate all'invecchiamento, tra cui il diabete, l'artrite reumatoide, l'obesità e le malattie cardiovascolari. Livelli bassi sono stati riscontrati anche in patologie come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

A studio pubblicato sulla rivista Cell Reports ha identificato un'interazione benefica tra la vitamina D e i geni della longevità. La vitamina ha prolungato la durata della vita del 33% e ha rallentato le anomalie proteiche legate all'invecchiamento. Questo risultato è legato alle proprietà della vitamina D di sopprimere l'insolubilità delle proteine e di prevenire la tossicità legata al morbo di Alzheimer.

Quali sono i sintomi di un basso livello di vitamina D?

Uno dei modi migliori per scoprire se si ha una carenza di vitamina D è sottoporsi a un esame del sangue, perché una vera e propria carenza di vitamina D deve essere attentamente monitorata dal medico curante. Ci sono alcune situazioni che possono influenzare negativamente i livelli di vitamina D, come evitare il sole a causa del rischio di cancro e di invecchiamento precoce, non mangiare abbastanza fonti alimentari di vitamina D e condizioni di salute croniche o farmaci.

Ecco alcuni segnali di bassi livelli di vitamina D:

  • Stanchezza, indipendentemente dal riposo che si ottiene

  • Dolore alle ossa

  • debolezza muscolare, dolori e crampi

  • Cambiamenti d'umore, come ad esempio depressione continua

Come aumentare naturalmente i livelli di vitamina D

Esistono alcuni modi per aumentare i livelli di vitamina D. Ad esempio, aggiungendo alla dieta più alimenti arricchiti di vitamina D, come succo d'arancia, latte e yogurt fortificati (se si tollerano i latticini) e cereali per la colazione fortificati. È inoltre possibile includere più pesce grasso, uova e fegato di manzo.

Uno dei modi più semplici è trascorrere del tempo al sole. Ma, attenzione, troppa luce solare mette a rischio di danni alla pelle, invecchiamento precoce e cancro della pelle. Il modo migliore per aumentare i livelli di vitamina D è assumere un integratore liposomiale di vitamina D3 di alta qualità.

Youth & Earth presenterà presto un prodotto liposomiale!

Trucco anti-invecchiamento n. 4 - Gestire lo stress negativo - Sfruttare lo stress positivo

Lo stress è semplicemente il modo in cui il corpo reagisce a una situazione difficile. È il processo che entra in gioco e che ci fa venire voglia di scappare o di combattere (in altre parole, la risposta "lotta o fuga"). Può essere visto come un meccanismo di sopravvivenza che mette in moto tutta una serie di processi cellulari che possono aiutarci di fronte a una situazione minacciosa.

Quando ci troviamo di fronte a una sfida, abbiamo due opzioni: possiamo rispondere in modo positivo (noto come eustress) o negativo (noto come distress). La risposta che diamo può avere un effetto positivo o negativo sulla nostra salute.

Che cos'è l'eustress o stress positivo?

Lo stress positivo ha le seguenti caratteristiche:

  • Di solito è di breve durata. Ad esempio, la frenesia dell'ultimo minuto prima di partire per una vacanza o per un colloquio di lavoro.

  • Ci si sente motivati e pieni di energia, come se si fosse in grado di "fare il passo" e di affrontare la sfida con determinazione.

  • Vi sentite eccitati e fiduciosi.

  • Sentite di essere più che in grado di affrontare la situazione, anche se potrebbe essere impegnativa.

  • Le vostre prestazioni migliorano: siete più concentrati, avete un'energia inesauribile e potete "portare a termine le cose".

Che cos'è il distress o stress negativo?

Lo stress negativo o angoscia ha le seguenti caratteristiche:

  • Lo stress negativo può essere di breve o lunga durata.

  • Di solito ci si sente preoccupati e ansiosi, senza riuscire a fermare i propri pensieri.

  • Potreste avere nausea o "mal di pancia" o sperimentare altri sintomi fisici come mal di testa, emicrania, muscoli tesi, dolori e malesseri.

  • Si ha la sensazione di non riuscire a farcela, di essere al di fuori del proprio controllo e della propria capacità di gestione.

  • Il vostro rendimento diminuisce: potreste avere difficoltà a ricordare le cose o a concentrarvi. Potreste ritrovarvi a procrastinare o a evitare il lavoro e a chiamare un "giorno di malattia".

  • Lo stress negativo continuo può portare a problemi fisici e mentali.

In che modo lo stress cronico influenza l'invecchiamento?

Lo stress a lungo termine, noto anche come stress cronico, ha un effetto negativo generale sulla nostra salute che si somma all'invecchiamento precoce. È noto infatti come uno dei "tre cavalieri dell'apocalisse della salute" che influenzano negativamente la nostra vita e la nostra durata.

Quando siamo stressati, il nostro corpo produce un ormone chiamato cortisolo che aumenta i livelli di zucchero nel sangue e la pressione sanguigna in modo da avere l'energia per superare l'ostacolo o la sfida. In effetti, dipendiamo dal cortisolo per mantenerci in vita e i livelli fluttuano nel corso della giornata a seconda del nostro stile di vita. Il problema si presenta quando il cortisolo rimane costantemente elevato anche per un lungo periodo di tempo. Livelli elevati di cortisolo sono collegati a molte condizioni e sintomi come l'aumento di peso, i disturbi mentali, gli squilibri ormonali e l'infiammazione.

È responsabile dell'indebolimento del sistema immunitario, che rende il nostro corpo incapace di combattere persino un raffreddore. Livelli elevati di cortisolo innescano anche l'infiammazione, che è una delle cause principali dell'invecchiamento precoce.

Allo stesso modo, lo stress cronico è anche associato all'accorciamento dei telomeri. I telomeri sono strutture poste all'estremità dei cromosomi che stimolano l'invecchiamento delle cellule. La presenza di telomeri accorciati indica l'invecchiamento cellulare, predisponendo a malattie croniche e persino alla morte prematura. A studio condotto su donne di età compresa tra i 42 e i 69 anni ha dimostrato il legame tra stress fobico e telomeri accorciati. Lo studio ha individuato telomeri accorciati pari a 6 anni di invecchiamento precoce nelle donne altamente fobiche rispetto a quelle senza fobia cronica.

Come gestire lo stress negativo

La differenza tra eustress e distress sembra semplice in teoria, ma può essere molto impegnativa nella pratica. Ecco alcuni modi per gestire lo stress negativo e sfruttare quello positivo.

Diventare consapevoli del proprio pensiero

Il primo passo consiste nell'essere consapevoli dei propri pensieri e del tipo di pensieri che vi attraversano la mente. Se li trovate prevalentemente negativi, fermatevi e cercate di riformularli in modo positivo. Ad esempio, se vi ritrovate a dire: "Non posso farcela... è troppo". Fermatevi e ricordatevi di respirare e di affrontare la sfida un passo alla volta. Forse non potete controllare le circostanze, ma potete decidere come reagire in quelle circostanze.

Siate consapevoli del vostro respiro

Quando siamo in uno stato di angoscia, tendiamo a trattenere il respiro o a respirare in modo superficiale. È stato dimostrato che una respirazione profonda, in entrata e in uscita, riduce i livelli di stress.

Sostenete il vostro corpo nei momenti di stress
La vita è piena di sfide e situazioni che spesso sfuggono al nostro controllo. Nei periodi di stress, sia positivo che negativo, sostenete il vostro corpo con una dieta sana, l'esercizio fisico e l'integrazione per contrastare gli effetti negativi dello stress in corso.

Tra gli integratori che possono aiutare in questo periodo ci sono l'olio di krill Superba e Preservage. Questi due prodotti sono studiati per ridurre l'infiammazione e potenziare le sirtuine. Anche la nostra vitamina C liposomiale aiuta a sostenere il sistema immunitario.

Trucco anti-invecchiamento #5 - Allenamento a intervalli ad alta intensità (HIIT)

L'allenamento a intervalli ad alta intensità sottopone il nostro corpo a un forte stress che attiva le vie della longevità AMPK e SIRT, con conseguenti benefici per la salute, dal miglioramento della funzione cardiovascolare all'aumento della sensibilità all'insulina. È stato inoltre dimostrato che abbassa la glicemia, aumenta la capacità di esercizio e migliora il metabolismo indipendentemente dalla perdita di peso. È anche un ottimo modo per liberarsi dell'energia causata dallo stress, in modo da abbassare i livelli di cortisolo.

In generale, l'idea alla base di questa attività è un allenamento intenso seguito da brevi pause tra gli esercizi. Ad esempio, può trattarsi di 1 minuto di allenamento seguito da 30 secondi di riposo per 15-30 minuti. Non deve essere necessariamente complicato, si può decidere di correre tra i pali della luce durante la passeggiata quotidiana o di salire velocemente le rampe di scale e riposare tra una e l'altra. Il principio è quello di far salire la frequenza cardiaca e farla scendere di nuovo.

Uno studio condotto dalla Mayo Clinic e pubblicato sulla rivista Cell Metabolism ha confrontato l'impatto dell'HIIT, dell'allenamento di resistenza e dell'allenamento combinato su adulti anziani. Tutti i tipi di allenamento hanno migliorato la sensibilità all'insulina e la massa magra, mentre l'HIIT e l'allenamento combinato hanno migliorato la funzione mitocondriale del muscolo scheletrico. Inoltre, lo studio di 12 settimane ha rilevato che gli esercizi hanno migliorato la salute cardiorespiratoria e la funzione cellulare mitocondriale (che si deteriora con l'invecchiamento). I mitocondri della cellula producono energia: migliore è la funzione mitocondriale, maggiore è l'energia disponibile.

Allo stesso tempo, l'esercizio fisico stimola l'attivazione del gene della longevità NF-kB. Questa azione infiammatoria è una reazione naturale all'esercizio perché aiuta a costruire i muscoli e a riparare le fibre. Sebbene l'infiammazione sia utile, uno sforzo elevato può portare a una sovrapproduzione di NF-kB che può causare cancro e diabete. Per mitigare questo effetto, quindi, potrebbe essere utile inibire la produzione di NF-kB attraverso integratori antinfiammatori come l'OLIO DI KRILL SUPERBA durante e dopo gli allenamenti intensi.

Come integrare l'HIIT nella vita di tutti i giorni

Prima di intraprendere un nuovo programma di esercizio fisico, consultate prima il vostro medico di fiducia, soprattutto se soffrite di una patologia cronica o se state assumendo farmaci cronici. Inoltre, per evitare lesioni, ricordate di dare al vostro corpo il tempo di riscaldarsi prima di affrontare una sessione di HIIT. Ricordate anche di rinfrescarvi dopo l'allenamento.

Oltre a fare brevi tratti di camminata intensa o di corsa durante le passeggiate quotidiane, ecco alcuni esercizi casalinghi che potete provare, consigliati da Dai Manuel.

  • Pedalata intensa per 20 secondi seguita da 90 secondi di pedalata leggera.

  • Nuoto sprint per un giro e poi un intervallo di riposo con una nuotata lenta per un giro.

  • Tapis roulant 20 secondi di sprint e un intervallo di riposo di 90 secondi di camminata.

In conclusione

Esistono molti modi per prevenire i segni dell'invecchiamento precoce e quelli che abbiamo descritto sono solo la punta dell'iceberg. Utilizzando questi trucchi anti-invecchiamento insieme a una dieta e a uno stile di vita sani, sarete sulla buona strada per sentirvi e sembrare più giovani più a lungo.

Iniziate facendo ciò che è necessario, poi fate ciò che è possibile e improvvisamente farete l'impossibile.

Francesco d'Assisi

Il contenuto di questo articolo è solo a scopo informativo. Non è inteso come sostituto di una consulenza medica professionale, di una diagnosi o di un trattamento. Chiedete sempre il parere del vostro medico o di un operatore sanitario prima di iniziare un nuovo regime o programma di salute. Non ignorate il parere del medico o non ritardate la sua richiesta a causa di qualcosa che avete letto su questo sito o su qualsiasi prodotto Youth & Earth.

Search