EUR (€) / Italiano
  • Accedi

Cosa determina l'aspettativa di vita? - Pt. 2

Poiché le persone di tutto il mondo vivono più a lungo che mai, gli scienziati vogliono capire come e perché invecchiamo. Le loro ricerche hanno rivelato che lo stile di vita- e non solo la genetica, influisce su quanto a lungo e quanto bene viviamo.A sample of DNA is pipetted into a petri dish with a background of DNA gel.

LA SCIENZA DELL'INVECCHIAMENTO

Lostudio dell'invecchiamento è una scienza relativamente giovane. Per la maggior parte della storia si è dato per scontato che l'invecchiamento fosse inevitabile. Solo negli anni '90, il genetista Thomas Johnson e i suoi colleghi hanno studiato un tipo di verme rotondo chiamatoC. elegans (Caenorhabditis elegans) che dimostrarono che le varianti del codice genetico (DNA) del verme potevano influenzare la durata della vita.

Questo ha dato il via a ulteriori studi sugli animali, confermando il ruolo della genetica nella durata della vita e identificando altri geni che, se mutati, possono prolungare la durata della vita. I geni rilevanti sono principalmente legati alla manutenzione e al metabolismo delle cellule, come la riparazione del DNA danneggiato, il mantenimento delle estremità dei filamenti di DNA (telomeri) e la protezione dai radicali liberi.

Da qui, la ricerca si è inevitabilmente rivolta all'uomo: - abbiamo simili "longevità"?abbiamo "geni della longevità" simili?

Sulla base di studi su persone longeve che hanno cercatosomiglianze genetiche, la risposta sembra essere,. Come per altri animali, le mutazioni nei geni umani associati al mantenimento delle cellule e al metabolismo sono essenziali per determinare la durata della nostra vita. Ulteriori informazioni sullalongevità umana vengono scoperte ogni anno.

SCRITTO NEI NOSTRI GENI
(MA SOLO UN PO')

La genetica è solo un pezzo del puzzle dell'invecchiamento.Le ricerche indicano che i fattori genetici possono spiegare solo il 25% circa della variazione della durata della vita umana.Naturalmente, la maggior parte delle variazioni nella durata della vita è dovuta a fattori non genetici.

Queste nuove conoscenze mettono in discussione le ipotesi da tempo sostenute sull'invecchiamento. Scienziati comeProfessor David Sinclairesperto di invecchiamento presso la Harvard Medical School, sostengono che l'invecchiamento non è inevitabile.

La chiave della nostra nuova comprensione dell'invecchiamento è lo studio del modo in cui il nostro DNA viene interpretato dalle nostre cellule, chiamato epigenetica. Come il genoma, il nostro epigenoma è ereditabile; a differenza del genoma, è modificabile.

"Se il genoma fosse un computer, l'epigenoma sarebbe il software. Istruisce le cellule appena divise su che tipo di cellule devono essere e su quali devono rimanere, a volte per decenni, come nel caso dei singoli neuroni del cervello e di alcune cellule immunitarie".

- DAVID A. SINCLAIR, Lifespan: The Revolutionary Science of Why We Age - and Why We Don't Have To


I cambiamenti epigenetici che influenzano il metabolismo o il mantenimento delle cellule potrebbero spiegare perché i modelli di invecchiamento sono diversi, anche tra gemelli identici. I cambiamenti epigenetici possono essere spontanei o causati da fattori quali il fumo o la luce UV.

Secondo la ricerca di Sinclair ricerca di Harvardi cambiamenti epigenetici sono fondamentali per l'invecchiamento e possono essere influenzati da interventi sullo stile di vita.

STILE DI VITA E LONGEVITÀ
Okinawa woman elderly dancing in traditional clothing.

La notevole crescita dellaaspettativa di vita dagli albori dell'industrializzazione dimostra chiaramente che il modo in cui viviamo ha un ruolo nella durata della nostra vita. Il consumo di tabacco, l'obesità e l'inattività sono ben noti come fattori di rischio per le malattie, che riducono la durata della nostra vita e della nostra salute.

Ma cosa potrebbe aiutare? Mangiare meno È stato dimostrato che mangiare meno frequentemente provoca cambiamenti epigenetici che ritardano l'invecchiamento nei topi, forse a causa della deviazione delle risorse dalla riproduzione alla manutenzione delle cellule. È possibile che aree comeOkinawa eSardegna debbano la loro fama di estrema longevità in parte alla loro dieta ipocalorica.

Secondo Sinclair, il fattore di stile di vita più importante per rallentare l'invecchiamento è mangiare meno frequentemente. Pur non invocando un'alimentazione disordinata - e gli scienziati sottolineano che non sappiamo ancora come raccogliere i possibili benefici dellerestrizioni dietetiche senza effetti collaterali negativi - afferma che:"Sto suggerendo che tre pasti quadrati al giorno non sono ottimali per la longevità".".

Gli scienziati stanno anche identificando singoli composti che svolgono un ruolo chiave nel processo di invecchiamento. Per esempio, la diminuzione dei livelli di un composto chiamatoNAD+ ha effetti cellulari diffusi e può innescare cambiamenti epigenetici associati all'invecchiamento, ma può essere compensato con degli integratori.

COME VIVERE PIÙ A LUNGO

Cosa determina la durata della vita?

È complicato: la genetica, l'epigenetica e lo stile di vita giocano un ruolo importante nel determinare quanto a lungo e quanto bene viviamo. Ma, dato che la genetica rappresenta solo un quarto della variabilità della durata della vita, la maggior parte di noi ha un controllo maggiore di quanto si possa pensare sulla durata e sul benessere della vita.

Unitevi a noi per laParte 3dove scopriremo cosa succede alle nostre cellule quando invecchiamo.

Il contenuto di questo articolo è solo a scopo informativo.
Non è inteso come sostituto di una consulenza medica professionale, di una diagnosi o di un trattamento. Chiedete sempre il parere del vostro medico o di un operatore sanitario prima di iniziare un nuovo regime o programma di salute.
Non ignorate il parere di un medico o non ritardate la sua richiesta a causa di qualcosa che avete letto su questo sito o su qualsiasi prodotto Youth & Earth.

Search