EUR (€) / Italiano
  • Accedi

Cellule zombie e invecchiamento: come combattere le cellule morte che camminano

Uno dei principali segni distintivi dell'invecchiamento è l'aumento della senescenza cellulare: si tratta di cellule che hanno raggiunto la fine della loro vita, ma non muoiono. Sono cellule "morte" viventi. Scoprite come le cellule zombie e l'invecchiamento siano interconnessi e cosa potete fare per evitarli.

Sapevate che le cellule del nostro corpo hanno un ciclo di vita? Si dividono e si moltiplicano fino a raggiungere uno stadio noto come limite di Hayflick, in cui alla fine muoiono e vengono riciclate dall'organismo. I ricercatori hanno scoperto che una cellula umana media si divide e si moltiplica circa 40-60 volte prima che ciò avvenga.

Tuttavia, non tutte le cellule seguono questo percorso naturale. Alcune partono per la tangente e, invece di morire, si trasformano in cellule zombie - cellule che non muoiono. In questo articolo analizzeremo come ciò avviene, le implicazioni della presenza di queste cellule tossiche nel sistema e alcune sostanze naturali che possono aiutare a rimuovere queste cellule zombie dal sistema.

Cosa sono le cellule zombie?

In breve, le cellule zombie sono cellule che hanno raggiunto la fine della loro vita ma non muoiono. Non svolgono più le funzioni cellulari previste e non si moltiplicano né si dividono.

Con l'avanzare dell'età, le cellule del nostro corpo subiscono danni cellulari causati da ogni sorta di fattori e si accumulano cellule danneggiate. Alla fine, queste cellule danneggiate entrano in una fase nota come senescenza cellulare che impedisce al DNA danneggiato di riprodursi e costituisce una salvaguardia dal cancro. Durante la senescenza, le cellule smettono di moltiplicarsi e dividersi e non svolgono più le funzioni che avrebbero dovuto svolgere, come riparare e mantenere i tessuti. In un certo senso, diventano cellule "invecchiate" o "in pensione".

Purtroppo, queste cellule invecchiate iniziano a emettere una miscela tossica di segnali chimici che possono causare la senescenza anche delle cellule sane e attive dell'area. Si ritiene che le cellule senescenti siano al centro del processo di invecchiamento. Sono inoltre associate a un aumento dell'infiammazione e del rischio di sviluppare malattie croniche come il cancro, oltre ad altre disfunzioni legate agli organi e all'età.

Il video seguente della Mayo Clinic fornisce un breve riassunto della teoria alla base delle cellule senescenti e del motivo per cui i ricercatori stanno studiando modi per utilizzarle a livello terapeutico.

Si ritiene che diversi fattori causino la senescenza cellulare: danni al DNA, infiammazione cronica, diminuzione dei livelli di sirtuine, stress ossidativo, disfunzioni nella segnalazione dei nutrienti, danni mitocondriali ed erosione dei telomeri. Attualmente si ritiene che l'erosione dei telomeri sia la causa più comune dell'invecchiamento cellulare.

Cosa sono i telomeri?

I telomeri sono parti non codificanti del DNA situate alla fine dei filamenti di DNA. Sono un po' come i tappi di plastica all'estremità di un laccio da scarpe che impediscono al laccio di srotolarsi. Il loro compito principale è quello di proteggere le punte dei filamenti di DNA dalla scissione e dal disfacimento, prevenendo così i danni al DNA. Purtroppo, quando le cellule adulte si dividono, mancano di un complesso chiamato telomerasi che protegge i telomeri dall'accorciamento. Dopo ogni divisione cellulare, i telomeri diventano sempre più corti e si verificano danni maggiori al DNA, con conseguente morte cellulare o senescenza.

Con l'avanzare dell'età si assiste a un aumento dell'accorciamento dei telomeri e della senescenza, motivo per cui l'accorciamento dei telomeri e l'aumento del numero di cellule zombie sono due dei segni distintivi dell'invecchiamento.

Cosa fanno le cellule zombie?

Le cellule senescenti sono state originariamente ritenute un meccanismo di difesa che impedisce alle cellule danneggiate di replicarsi e trasformarsi in tumori. Tuttavia, i ricercatori hanno anche scoperto che queste cellule secernono un cocktail di sostanze chimiche difensive che le proteggono dalla morte cellulare programmata o dal suicidio cellulare. Queste secrezioni rientrano tutte in un ombrello noto come Senescence-Associated Secretory Phenotypes (SASP) e comprendono citochine, chemochine, modulatori immunitari e altre sostanze chimiche distruttive che segnalano al sistema immunitario la necessità di eliminare le cellule danneggiate.

Con l'avanzare dell'età, però, il meccanismo di rimozione di queste cellule distruttive non funziona più così bene ed è per questo che iniziano ad accumularsi nell'organismo. È interessante notare che queste secrezioni possono influenzare altre cellule sane e farle diventare anch'esse cellule zombie. L'accumulo di SASP e di cellule zombie scatena l'infiammazione cronica e si ritiene che sia alla base di molte patologie come il morbo di Alzheimer, i tumori e il deterioramento dovuto all'età.

Come si eliminano le cellule zombie?

Il sistema immunitario umano è naturalmente progettato per identificare e sbarazzarsi di queste cellule. Uno dei modi per rallentare la senescenza cellulare consiste nel sostenere il sistema immunitario e nell'assumere sostanze studiate per colpire le cellule zombie.

Con l'invecchiamento, il sistema immunitario tende a deteriorarsi. Le cellule zombie approfittano rapidamente della situazione e si accumulano in diversi organi e tessuti, aumentando l'infiammazione e causando danni al nostro corpo.

Ironia della sorte, un sistema immunitario debole provoca l'accumulo di cellule senescenti e queste cellule zombie indeboliscono ulteriormente il sistema immunitario. Si forma così un circolo vizioso nell'organismo: aumento delle cellule senescenti e indebolimento del sistema immunitario.

Ma la buona notizia è che non tutto è perduto e che si può porre rimedio alla situazione. Gli scienziati hanno trovato e sviluppato alcuni farmaci - chiamati senolitici - che uccidono solo queste cellule zombie. Un'altra buona notizia è che esistono alcuni senolitici che sono prodotti naturali facilmente reperibili.

Quali sono i senolitici naturali anti-invecchiamento?

Attualmente sono in corso ricerche per trovare senolitici naturali e farmaci in grado di colpire selettivamente le cellule senolitiche. I ricercatori hanno identificato una serie di senolitici naturali con vari gradi di efficacia. Tra questi vi sono la quercetina, la fisetina, la piperlongumina (dai peperoni lunghi) e un analogo della curcumina (una sostanza chimica con una struttura simile a quella della curcumina). È importante notare che devono essere condotte ulteriori ricerche in questo campo, ma i seguenti composti naturali mostrano un potenziale e sono facilmente reperibili.

Cos'è la quercetina?

La quercetina è un pigmento - noto come flavonoide vegetale - presente in cipolle, bacche, mele, tè verde, vino rosso, Gingko Biloba, tè di grano saraceno e iperico. È un potente antiossidante e ha effetti antinfiammatori che possono essere utili per patologie come le malattie cardiache, l'artrite e il diabete. È anche un leggero senolitico. È interessante notare che i ricercatori hanno scoperto che l'attività senolitica della quercetina sembra essere condotta attraverso la via della longevità AMPK. La quercetina contribuisce anche ad aumentare i livelli di NAD+ che aiutano le sirtuine (un gruppo di proteine che svolgono numerose funzioni, tra cui la regolazione della morte cellulare).

Per saperne di più sulla via della longevità AMPK, leggete Cos'è l'AMPK? Come influenza l'invecchiamento?

Il nostro prodotto PRESERVAGE contiene trans-resveratrolo, curcumina, quercetina e bioperina, tutte molecole studiate per attivare le sirtuine e rallentare la senescenza cellulare.

Che cos'è la fisetina?

Innanzitutto, la fisetina è un polifenolo. Ciò significa che è ricca di potenziali benefici per la salute, tra cui potenti proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. I polifenoli sono in grado di contrastare le malattie neurodegenerative, il diabete, le malattie cardiovascolari e altri benefici curativi.

Per saperne di più sui polifenoli, leggete "Perché i polifenoli fanno bene".

La fisetina è un flavonoide. Questo gruppo di polifenoli è noto per inibire il processo di ossidazione delle lipoproteine basse, riducendo così il rischio di aterosclerosi e di malattie cardiache.

Fisetina e longevità

Sebbene gli studi clinici siano ancora in corso, questa molecola presente in natura mostra un grande potenziale per contribuire a rallentare l'invecchiamento e a prolungare la nostra vita e l'apertura della salute.

È stato dimostrato che la fisetina inibisce NF-kB, la via della longevità che innesca l'infiammazione. Blocca inoltre MTOR, un'altra via della longevità che deve essere mantenuta in equilibrio per vivere una vita lunga e sana. In studi preclinici su cellule, la fisetina ha dato risultati promettenti nella lotta all'Alzheimer. Si è visto che riduce l'amiloide-beta, i peptidi che formano la componente principale delle placche amiloidi nel cervello dei pazienti di Alzheimer.

La fisetina è un potente antiossidante che agisce direttamente e indirettamente attraverso l'attivazione di un altro antiossidante, il glutatione, che è il principale disintossicante del nostro organismo. Molte condizioni di salute croniche sono associate a un accumulo di tossine nell'organismo. Il glutatione aiuta a sostenere il sistema di disintossicazione, fondamentale per una buona salute. Per saperne di più sul glutatione, leggete Cos'è il glutatione e perché è anti-invecchiamento?

Il nostro integratore di glutatione liposomiale è stato appositamente studiato per aiutare l'organismo a proteggere e sostenere la funzione cellulare.

Fisetina e cellule senescenti

Sono stati condotti diversi studi per verificare l'efficacia della fisetina nell'eliminare le cellule senescenti o zombie.

In uno studio del settembre 2018la fisetina è risultata efficace nel ridurre i marcatori di senescenza. Nello stesso studio è stato rivelato che il flavonoide ha anche migliorato l'apertura della salute e la durata della vita dei soggetti. Sebbene la fisetina non sia stata sperimentata sugli esseri umani, la biochimica dei topi è la più vicina a quella degli esseri umani e la possibilità che la fisetina funzioni negli esseri umani è quindi elevata.

Per dimostrare l'efficacia della fisetina, lo studio ha dimostrato che alte dosi di fisetina somministrate per un paio di giorni sono state in grado di liberare tessuti e organi da circa il 25-35% delle cellule zombie accumulate in diversi organi.

In un altro studiopubblicato sul National Center for Biotechnology Information (NCBI), è emerso che la fisetina provoca l'apoptosi (morte cellulare). Questo risultato è ottenuto colpendo diversi tipi di cellule zombie, tra cui le cellule endoteliali. Al momento in cui scriviamo, gli studi sull'uomo che coinvolgono la fisetina sono ancora in corso, ma questa molecola mostra un grande potenziale.

Quali sono gli alimenti ad alto contenuto di fisetina?

La fisetina è un micronutriente di origine vegetale presente in diversi alimenti, quasi tutti facilmente reperibili nella dieta quotidiana. È disponibile anche sotto forma di integratori.

Ecco alcune delle fonti più comuni a cui prestare attenzione e da includere nella propria dieta e nel proprio stile di vita.


  • Fragole: Sia che si assumano sotto forma di frullato o che si sgranocchi il frutto stesso, le fragole sono tra le fonti più ricche di fisetina. Un singolo frutto contiene circa 160 µg/g ed è uno degli alimenti più ricchi di fisetina.
  • Mele: Un solo grammo di mela contiene circa 26,9 microgrammi di fisetina. È uno degli alimenti più ricchi di fisetina dopo le fragole.
  • Uva e cachi: Questi due frutti presentano livelli considerevoli di fisetina. Tuttavia, hanno anche un notevole contenuto di zuccheri e quindi dovrebbero essere assunti come spuntini occasionali.
  • Cetrioli e cipolle: Entrambi sono fonti di fisetina e possono essere combinati in un'insalata per aumentare i livelli di fisetina.

Quanta fisetina devo assumere?

Per ottenere la stessa quantità di fisetina utilizzata nello studio sugli animali di cui sopra, è necessario mangiare circa 37 fragole al giorno. Sebbene la fisetina sia disponibile sotto forma di integratore, non ci sono prove cliniche sufficienti per fornire un dosaggio raccomandato. Se si desidera utilizzare un integratore, è meglio seguire le indicazioni riportate sull'etichetta.

È sempre meglio consultare il proprio medico prima di iniziare un nuovo integratore. Se state assumendo farmaci cronici, non modificate il dosaggio da soli: collaborate sempre con il vostro medico in modo che possa monitorare i vostri progressi.

La fisetina è sicura da assumere?

Il modo più sicuro di assumere la fisetina è quello di includere nella propria dieta e nel proprio stile di vita più alimenti che contengono naturalmente questa molecola. Preparate un frullato di fragole e seguite il vecchio adagio: "Una mela al giorno toglie il medico di torno". Sebbene la fisetina sia disponibile sotto forma di integratore, non sono ancora stati condotti studi clinici che indichino chiaramente i livelli di sicurezza. È sempre meglio seguire le indicazioni e consultare il proprio medico curante.

Conclusioni

Il nostro corpo è incredibilmente progettato e, man mano che impariamo a conoscere meglio la scienza dell'invecchiamento, possiamo dotarci degli strumenti e delle conoscenze che ci aiutano a vivere sani e felici molto più a lungo.

La maggior parte di questi strumenti è piuttosto semplice: seguire una dieta sana (che includa più alimenti ricchi di fisetina), aumentare i livelli di attività e di esercizio fisico, assicurarsi di dormire a sufficienza, imparare a gestire lo stress e integrare con prodotti naturali progettati per sostenere il corpo durante l'invecchiamento e affrontare l'età a livello cellulare.

Non è mai troppo tardi per cambiare in meglio.

"È un errore considerare l'età come una discesa verso la dissoluzione. È vero il contrario. Quando si invecchia, si sale con passi sorprendenti".

- George Sand - scrittrice francese

Il contenuto di questo articolo è solo a scopo informativo. Non intende sostituire la consulenza medica professionale, la diagnosi o il trattamento. Chiedete sempre il parere del vostro medico o di un operatore sanitario prima di iniziare un nuovo regime o programma di salute. Non ignorate il parere del medico o non ritardate la sua richiesta a causa di qualcosa che avete letto su questo sito o su qualsiasi prodotto Youth & Earth.


Search