EUR (€) / Italiano
  • Accedi

Come il coenzima Q10 può aumentare la durata della salute

Il coenzima Q10 (CoQ10) è un composto fondamentale per la produzione di energia delle cellule. Viene prodotto dall'organismo ma, con l'avanzare dell'età, la sua produzione diminuisce. Scoprite perché il CoQ10 è essenziale per rallentare il processo di invecchiamento e come potete aumentarne i livelli.

Vi siete mai soffermati a immaginare le migliaia di processi biochimici che avvengono nel vostro corpo ogni singolo minuto? La maggior parte di noi passa la vita beatamente ignara di tutto ciò che accade nelle cellule del nostro corpo.

Tuttavia, per sentirsi più giovani più a lungo, è importante capire come funzionano alcuni di questi processi, in modo da poter sostenere adeguatamente il proprio corpo durante l'invecchiamento. Ad esempio, sapevate che ci sono processi enzimatici cruciali che sono responsabili della generazione di energia nel nostro corpo e che hanno un'influenza diretta sulla nostra salute e sul processo di invecchiamento?

In questo articolo esamineremo un coenzima particolare, molto popolare nel mondo dell'antinvecchiamento e della salute: il coenzima Q10. In questo articolo spiegheremo brevemente cosa fa, perché è importante e come si può integrare il CoQ10 per mantenere alti i livelli di energia.

Che cos'è il coenzima Q10?

Le nostre cellule e tutti i processi del nostro corpo si basano su reazioni chimiche. Ad esempio, gran parte del processo che trasforma il cibo in energia è di tipo chimico. Le molecole che provocano e regolano queste reazioni sono chiamate enzimi. Gli enzimi sono molecole proteiche che si trovano all'interno degli organelli della cellula o che fluttuano nel corpo stesso della cellula.

I coenzimi sono una famiglia di molecole organiche non proteiche che aiutano gli enzimi a catalizzare e controllare le reazioni. A tal fine si legano all'enzima in un sito specifico che lo attiva e lo aiuta a provocare la reazione. Dal punto di vista biochimico, senza i coenzimi le reazioni che avvengono nell'organismo sarebbero meno numerose, se non addirittura nulle.

Il coenzima Q10 appartiene a unafamiglia di coenzimi nota come coenzima Q o ubichinone e si trova principalmente nelle cellule umane. Gli altri membri della famiglia (6) si trovano negli animali e nei batteri.

Il CoQ10 è immagazzinato nei mitocondri, la centrale energetica della cellula. Le maggiori quantità di questo coenzima si trovano nel fegato, nel cuore, nel cervello, nei muscoli e nei reni. È anche solubile nei lipidi, il che gli consente di attraversare facilmente la membrana cellulare e le membrane esterne e interne dei mitocondri.

Che cosa fa il coenzima Q10?

Il coenzima Q10 svolge un ruolo essenziale nell'aiutare il nostro organismo a produrre e regolare l'energia. La maggior parte delle cellule del nostro corpo ha bisogno di energia sufficiente per funzionare correttamente, motivo per cui il CoQ10 è così fondamentale.

È anche un importante antiossidante lipidico che impedisce al nostro organismo di generare radicali liberi in eccesso e di modificare il DNA, i lipidi e le proteine. Protegge e sostiene i mitocondri che producono l'energia di cui le nostre cellule hanno bisogno.

In poche parole, l'integrazione con il coenzima Q10 non solo migliora il funzionamento dei mitocondri, ma li protegge anche e protegge i tessuti e gli organi del corpo.

Come fa il CoQ10 a generare energia?

Per capire come funziona il CoQ10, dobbiamo esaminare brevemente la glicolisi (come viene scomposto il glucosio) e i processi della catena di trasporto degli elettroni.

La glicolisi

La glicolisi è una via metabolica che consiste in 10 reazioni che avvengono tutte nel citoplasma di una cellula. Il citoplasma è il liquido all'interno della cellula, un po' come l'albume di un uovo. Le reazioni scindono le molecole di glucosio dai nutrienti per produrre un composto organico chiamato adenosina trifosfato (ATP).

L'ATP fornisce l'energia necessaria alle cellule per alimentare processi come la sintesi chimica, la contrazione dei muscoli e la propagazione degli impulsi nervosi.

La glicolisi si svolge in due fasi:

  • Fase di investimento energetico: In questa fase, l'organismo "investe" l'energia di 2 molecole di ATP per dividere a metà una molecola di glucosio.

  • Fase di recupero dell'energia: Le due metà della molecola di glucosio vengono ossidate per produrre 2 molecole di piruvato (importanti composti chimici). Nel processo vengono prodotte 4 molecole di ATP e 2 molecole di NAD+ che vengono ridotte a NADH.

Le molecole di piruvato vengono poi trasportate nei mitocondri da speciali trasportatori di piruvato. Qui vengono ossidate per produrre acetil-coenzima A, NADH, flavina adenina dinucleotide (FADH2) e anidride carbonica.

Il NADH generato nel citoplasma deve essere trasportato attraverso la membrana interna dei mitocondri fino alla matrice (parte dei mitocondri che produce energia e svolge altre funzioni). Purtroppo, la membrana è impermeabile sia al NAD+ che al NADH. Per questo motivo, gli elettroni del NADH devono essere trasportati attraverso la membrana alla matrice attraverso un processo chiamato catena di trasporto degli elettroni.

La catena di trasporto degli elettroni (ETC)

L'ETC è costituita da quattro complessi che comportano il trasferimento di elettroni dal NADH attraverso la membrana interna dei mitocondri alla matrice per produrre ATP. Questa catena è molto importante perché produce il 95% dell'energia della cellula.

Il coenzima Q10 ha un ruolo fondamentale nel garantire il trasporto degli elettroni e la formazione di ATP. Senza una quantità sufficiente di CoQ10, nelle nostre cellule si produrrebbe meno ATP, con effetti negativi sulla funzione cellulare e, in ultima analisi, sulla nostra salute.

Per informazioni più approfondite sulla ETC, leggere Biochimica, Catena di trasporto degli elettroni.

Il coenzima Q10 è anti-invecchiamento?

Sì, il coenzima Q10 svolge un ruolo molto importante nella prevenzione dell'invecchiamento precoce. Senza di esso, le nostre cellule perderebbero la capacità di produrre energia e la protezione antiossidante che offre.

Inoltre, sebbene il nostro corpo sia in grado di sintetizzare naturalmente il coenzima Q10, in uno studio del 2019, pubblicato sul National Center for Biotechnology Information (NCBI), è stato dimostrato che con l'avanzare dell'età i livelli di CoQ10 tendono a diminuire. Infatti, molte condizioni croniche associate all'invecchiamento sono state collegate a bassi livelli di questo coenzima.

Aumentando i livelli di questo enzima, è possibile rallentare o addirittura prevenire queste condizioni e il deterioramento associato all'invecchiamento. Pertanto, il CoQ10 ha un forte valore anti-invecchiamento.

Ci sono benefici nell'assunzione di integratori di coenzima Q10?

Sì, sono stati condotti numerosi studi sul CoQ10 e sui suoi effetti su varie condizioni. Ecco alcuni dei possibili benefici riscontrati. La ricerca su questo antiossidante essenziale è in corso.

Il CoQ10 può migliorare i sintomi delle persone che soffrono di insufficienza cardiaca.

L'insufficienza cardiaca si verifica quando i muscoli del cuore non sono in grado di contrarsi o rilassarsi a sufficienza per pompare il sangue. Il tessuto muscolare cardiaco è costituito da cellule come cardiomiociti, cellule muscolari lisce e fibroblasti. Queste cellule utilizzano l'ATP dei mitocondri per alimentare la loro contrazione. In uno studio condotto su pazienti affetti da insufficienza cardiaca, la somministrazione di coenzima Q10 ha migliorato i sintomi.

Potrebbe migliorare le prestazioni durante l'esercizio fisico

Lo stress ossidativo e i mitocondri disfunzionali possono limitare la capacità di fare esercizio. Senza livelli sufficienti di energia cellulare, i muscoli non possono contrarsi per sostenere un allenamento. Il coenzima Q10 svolge entrambi i ruoli: è un antiossidante e un componente critico nella produzione di energia cellulare. In uno studio del 2010 è stato dimostrato che l'integrazione con il coenzima Q10 ha contribuito a ridurre lo stress ossidativo e ad aumentare la potenza durante l'esercizio.

Può aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue

Esiste un forte legame tra mitocondri disfunzionali e resistenza all'insulina. In uno studio del 2014, pazienti con diabete di tipo 2 hanno assunto CoQ10 per 12 settimane. Il risultato è stato una riduzione dei livelli di zucchero nel sangue, con una notevole diminuzione dell'emoglobina A1c e dei livelli di zucchero nel sangue a digiuno.

Se avete problemi di glicemia, leggete: Berberina, il super antiossidante

Il coenzima Q10 può aiutare a ridurre i segni dell'invecchiamento

I radicali liberi presenti sul tessuto cutaneo, provenienti da entità ambientali e cellulari, causano stress ossidativo. Se non controllato, questo può danneggiare la pelle. Il CoQ10 è un potente antiossidante. I trattamenti topici contenenti CoQ10 vengono normalmente applicati per contrastare lo stress ossidativo e aumentare la produzione di energia delle cellule cutanee, mantenendo la pelle giovane e sana.

Il nostro prodotto Injuvè un idratante completamente naturale che migliora la pelle e i segni dell'invecchiamento dall'interno.

Il CoQ10 può aiutare a proteggere i polmoni

Come già detto, questo coenzima è un potente antiossidante che svolge un ruolo importante nel minimizzare i danni causati dall'ossidazione.

Le patologie polmonari croniche, come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), sono legate al danno ossidativo e a bassi livelli di coenzima Q10 nei polmoni. Le ricerche indicano che l'integrazione di questo coenzima può contribuire ad alleviare alcuni dei sintomi associati a queste patologie.

Il coenzima Q10 può anche aiutare a contrastare l'emicrania e gli effetti collaterali delle statine.

Altri studi indicano che il CoQ10 può ridurre ed eventualmente prevenire l'emicrania. I ricercatori ritengono che ciò possa essere dovuto al fatto che mantiene in salute i mitocondri delle cellule cerebrali.

Vi sono anche indicazioni che il CoQ10 possa aiutare a contrastare la debolezza muscolare e a gestire il dolore associato all'uso delle statine.

Si può assumere il coenzima Q10 dagli alimenti?

Sì, è possibile assumere il coenzima Q10 dagli alimenti, ma questi contribuiscono solo al 25% del fabbisogno dell'organismo e non aumentano in modo significativo i livelli di CoQ10 nel corpo. In media, l'apporto di CoQ10 attraverso l'alimentazione è di circa 3-6 mg al giorno. Per questo motivo gli integratori sono l'opzione ideale per aumentare le concentrazioni di CoQ10 nei tessuti.

Gli alimenti che contengono il coenzima Q10 includono:

  • Carni d'organo: Come cuore, reni e fegato.

  • Carni muscolari: Come pollo, manzo e maiale.

  • Pesce grasso: Come sardine, aringhe, sgombri e trote.

  • Verdure: Come spinaci, cavolfiori e broccoli.

  • Legumi: Soia, arachidi e lenticchie.

Vale la pena assumere il CoQ10?

Sì, visto il ruolo critico che il CoQ10 svolge nella produzione di energia e nella salute e il fatto che i livelli diminuiscono con l'età, vale la pena di integrare questo enzima. Se vi accorgete di essere afflitti da stanchezza cronica, affaticamento, nebbia cerebrale e rallentamento delle funzioni cerebrali, potrete trarre beneficio dall'integrazione con il coenzima Q10.

Tuttavia, gli integratori tradizionali presentano un problema. Quando viene somministrato per via orale, solo il 5% del CoQ10 arriva in circolo a causa dell'apparato digerente. I pazienti con una carenza di questo coenzima hanno bisogno di dosi farmacologiche molto più elevate e i metodi di somministrazione tradizionali potrebbero non essere così efficaci.

Tuttavia, grazie alla tecnologia, i nuovi metodi di somministrazione, come gli integratori liposomiali, sono in grado di fornire i nutrienti direttamente nelle cellule, migliorando la biodisponibilità e i benefici dell'integrazione di CoQ10.

Per saperne di più sulla somministrazione liposomiale, leggete: Cosa sono gli integratori liposomiali e come funzionano?

Conclusione

Il coenzima Q10 è al centro della maggior parte dei processi biochimici cruciali. Svolge un ruolo chiave nella catena di trasporto degli elettroni, facilitando la produzione di energia cellulare. Livelli estremamente bassi di coenzima Q10 possono avere effetti disastrosi sul corpo e sono stati collegati a molte delle condizioni croniche associate all'invecchiamento.

Lo stress ossidativo, che colpisce la maggior parte degli organi del corpo, compresa la pelle, può distruggere le cellule e accelerare l'invecchiamento e la morte. I benefici del coenzima 10 per la salute sono trasversali, dal cervello al sistema nervoso, ai muscoli cardiaci e persino ai polmoni.

Il corpo sintetizza naturalmente il CoQ10, ma l'età rallenta questo processo. La seconda fonte del coenzima è il cibo. Tuttavia, anche questo non contribuisce molto. Se volete aumentare i vostri livelli di CoQ10 per sembrare più giovani più a lungo e rallentare l'invecchiamento, prendete in considerazione l'integrazione con il coenzima Q10 liposomiale.

Il contenuto di questo articolo è solo a scopo informativo. Non intende sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un medico professionista. Prima di iniziare un nuovo regime o programma di salute, chiedete sempre il parere del vostro medico o di un operatore sanitario. Non ignorate il parere del medico o non ritardate la sua richiesta a causa di qualcosa che avete letto su questo sito o su qualsiasi prodotto Youth & Earth.

Search